Del Basso De Caro annuncia nuovi fondi dal Cipe per Telesina e Fortorina

18:55:24 4322 stampa questo articolo
Umberto Del Basso De Caro, sottosegretario Ministero Infrastrutture e TrasportiUmberto Del Basso De Caro, sottosegretario Ministero Infrastrutture e Trasporti

“Nuovi fondi per la Fortorina e per il raddoppio della Telesina”. Ad annunciarlo è il Sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Umberto Del Basso De Caro al termine della seduta del Cipe che si è tenuta oggi.

Alla riunione del Cipe di oggi, il Sottosegretario sannita  ha partecipato  in rappresentanza del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. “Abbiamo destinato altri 133 milioni di euro per il primo lotto del raddoppio della Telesina Benevento - San Salvatore Telesino – spiega Del Basso De Caro - che vanno ad aggiungersi ai 330 milioni di euro già stanziati. Quindi in totale il primo lotto che riguarda i Comuni di San Salvatore Telesino, Castelvenere, Cerreto Sannita, Telese Terme, Solopaca, Vitulano, Paupisi, Ponte, Torrecuso e Benevento è interamente finanziato per l’importo di 463 milioni di euro. Un lotto che già è oggetto di procedure di esproprio e che nelle prossime settimane vedrà la pubblicazione del bando di gara". 

"In merito alla Fortorina che riguarda la variante all’abitato di San Marco dei Cavoti sulla statale 212 della Val Fortore – afferma il Sottosegretario – abbiamo stanziato ulteriori 50 milioni di euro che sommati ai 66 milioni di euro, già concessi, arriviamo a 116 milioni di euro. Una variante che si riallaccerà alla ex strada statale 369 ‘Appulo Fortorina’, in direzione dei territori dell’alto Fortore e costituirà così un vero e proprio by-pass dell’abitato. E Anche in merito a questa arteria siamo prossimi alla pubblicazione del bando di gara per l’affidamento dei lavori".

"Sono tanti, tantissimi i fondi che il Governo nazionale a guida PD ha stanziato e sta stanziando per il territorio sannita – conclude il sottosegretario Del Basso De Caro –. La continuazione della Fortorina e il raddoppio della Telesina sono due importanti investimenti infrastrutturali che la popolazione sannita attendeva da anni e che crea le condizioni per un ulteriore sviluppo economico del Sannio”.



Articolo di Istituzioni / Commenti