Discarica Tre Ponti, Maglione: "La Procura contesta reati ambientali a seguito di un nostro esposto"

15:18:52 747 stampa questo articolo
Montesarchio. Discarica Tre PontiMontesarchio. Discarica Tre Ponti

Gestione illecita dei rifiuti e mancato ripristino ambientale nella fase post operativa della discarica "Tre Ponti", a Montesarchio.

Sono i reati contestati dalla Procura della Repubblica di Benevento a Francescopaolo Ventriglia, commissario liquidatore del Consorzio unico di bacino Napoli-Caserta e Nicolino Cardone, ex amministratore delegato della Samte. Una notifica giunta dal sostituto procuratore Assunta Tillo che fa seguito all’esposto presentato nel 2015 da un gruppo di attivisti sanniti, in cui si denunciava il progressivo stato di abbandono e degrado dell’area, con potenziali rischi per l’ambiente.

Quel che denunciavamo qualche anno fa ora è un fatto acclarato dalla magistratura - commenta il parlamentare M5S Pasquale Maglione - dai sopralluoghi effettuati nei mesi successivi al nostro esposto è stato infatti verificato lo stoccaggio illecito dei reflui nella vasca di raccolta delle acque piovane. Oltre alla mancata raccolta di percolato è stata inoltre constatata la totale mancanza di manutenzione del sito, tesa a prevenire o a ridurre il più possibile le ripercussioni negative sull’ambiente, così come prescritto anche dalla normativa europea. Sono fatti gravissimi su cui per anni la politica locale ha fatto ben poco".

"La gestione dei rifiuti nel Sannio - prosegue Maglione - continua a essere segnata dall’approssimazione e dalla discontinuità. Prosegue la saga del valzer delle poltrone, l’Ato non parte e nel frattempo l’aver preferito una scelta politica a una tecnica nella nomina dell’amministratore unico della Samte, ha portato il primo risultato negativo per i cittadini: un nuovo aumento della tassa sui rifiuti. Dopo che per anni la vicenda della discarica Tre Ponti è passata quasi inosservata agli occhi della politica locale - ricordo che da mesi i consiglieri del M5S di Montesarchio aspettano di essere convocati dal Presidente della Provincia sulla questione - mi auguro che ora, finalmente, ci si assuma la responsabilità di coniugare le proprie scelte a risultati concreti".



Articolo di Cronaca / Commenti