Domani al via a Guardia Sanframondi il Country Hack Fest 2019

10:30:7 1740 stampa questo articolo
Guardia SanframondiGuardia Sanframondi

La manifestazione è interamente dedicata all’innovazione nella ruralità.

Parte domani 22 febbraio, nella suggestiva cornice del castello medievale, il Country Hack Fest 2019. La manifestazione, che sarà interamente dedicata all’innovazione nella ruralità, è promossa dall’amministrazione comunale di Guardia Sanframondi in collaborazione con l’Università degli studi del Sannio e la fondazione Ampioraggio.

“L'obiettivo di questa edizione 2019 – spiega il sindaco di Guardia, Floriano Panza - è quello di cercare soluzioni tecnologiche e organizzative per valorizzare il territorio a vocazione enologica dal punto di vista ambientale, migliorare le tecniche di produzione vinicole e agro-alimentari e promuovere l'area in modo efficace nel contesto venutosi a creare grazie al riconoscimento europeo ottenuto di Città del Vino 2019”.

Domani, 22 febbraio, dopo l’accoglienza e registrazione dei partecipanti, alle ore 18 ci sarà il via con il saluto del sindaco di Guardia Sanframondi, Floriano Panza, e il lancio delle challanges da parte di Aron Visaggio dell’Università degli studi del Sannio. Coordinato da Giuseppe De Nicola della fondazione Ampioraggio, ci sarà quindi l’incontro tra attori locali del territorio e sviluppatori del Country Hack Fest per l’individuazione delle progettualità da sviluppare e, infine, alle 20 l’avvio dell’hackathon e la degustazione dei prodotti tipici del territorio.

Sabato 23, sempre nella sala convegno del castello medievale, alle 10:30 ci sarà la tavola rotonda sul tema: “Vocazioni territoriali e open innovation: come trasformare la Citta Europea del Vino in un investimento di lungo periodo?”. Sul tema si confronteranno i sindaci delle città del vino del Sannio Beneventano e un focus group di esperti nei settori dell’innovazione, della finanza e dello sviluppo territoriale. Poi, alle 16 è prevista una visita turistico-culturale nel centro storico e una visita alla cooperativa agricola “La Guardiense”.

Domenica 25 infine, alle ore 8 ci sarà infine lo stop dell’hackathon e la presentazione dei lavori da parte dei team partecipanti, oltre all’intervento di Gerardo Canfora dell’Università degli studi del Sannio e Salvatore Marino della Tim Open. La mattinata si concluderà con la premiazione dei team vincitori.



Articolo di Tradizioni, Folclore / Commenti