Commissariamento Camere di Commercio, Confcommercio Benevento: "Perchè il disappunto di Avellino?"

18:4:22 2310 stampa questo articolo
Camera di Commercio Camera di Commercio

Confcommercio Benevento  commenta la contrarietà e il disappunto manifestate dal Presidente della CCIAA di Avellino in riferimento all'emendamento presentato in Parlamento riguardante l’eventuale commissariamento delle Camere di Commercio che non hanno provveduto nei tempi stabiliti ad ultimare la procedura di fusione.

"Per quanto concerne i nostri due enti - dichiara Confcommercio Benevento - è difficile comprendere la ragione tecnica del disappunto, vengono citati ricorsi, sentenze, pronunciamenti del Tar e l’ inutile attesa per l’ultima e decisiva sentenza del Consiglio di Stato che non capiamo cosa possa centrare con la fusione volontaria decretata dai due consigli camerali di Avellino e Benevento nel 2016".

"Obiettivamente qualcosa ci sfugge - continua l'associazione di categoria dei commercianti - soprattutto quando si puntualizza che loro non avrebbero ostacolato in nessun modo l’iter, atteggiamento che sarebbe provato dall'assenza di ricorsi. Noi però ci domandiamo contro chi dovevano essere prodotti questi ricorsi, visto che questi enti hanno deliberato per “volontaria fusione”. Ridicolo pensare di ricorrere contro se stessi. Il commissariamento dell’ente sannita ripetutamente richiesto da Confcommercio Benevento al Mise qualora giungesse domani avverrebbe con 2 anni e mezzo di ritardo visto che siamo nel terzo anno di prorogatio su cinque di normale mandato".

"Vogliamo comunque essere fiduciosi nella speranza che le nostre istanze siano accolte nello loro interezza e ribadiamo la nostra richiesta di commissariamento, unito ad un fondamentale e non più rinviabile controllo ispettivo su quanto operato dagli organi di gestione negli ultimi 8 anni", conclude Confcommercio.



Articolo di Commercio / Commenti