La BCE alza i tassi di interesse per contrastare l'inflazione persistente: +0,25%

19:22:23 5586 stampa questo articolo
Banca Centrale EuropeaBanca Centrale Europea

Le decisioni della Banca Centrale Europea mirano a ridurre l'inflazione e frenare la domanda economica.

La Banca Centrale Europea (BCE) ha deciso di aumentare i tassi di interesse di riferimento di 25 punti base al fine di contrastare l'inflazione elevata. Nonostante una diminuzione dell'inflazione, le previsioni indicano che questa rimarrà troppo alta per un periodo di tempo prolungato.

Secondo le proiezioni macroeconomiche di giugno dell'Eurosistema, si prevede che l'inflazione complessiva si attesti al 5,4% nel 2023, al 3,0% nel 2024 e al 2,2% nel 2025. Sebbene alcuni indicatori delle pressioni sui prezzi mostrino segnali di attenuazione, gli esperti hanno rivisto al rialzo le proiezioni per l'inflazione al netto della componente energetica e alimentare. Ciò è dovuto agli aumenti inattesi passati e alle implicazioni del vigore del mercato del lavoro sulla disinflazione.

Inoltre, i passati incrementi dei tassi di interesse decisi dalla BCE stanno gradualmente influenzando l'economia, con un aumento dei costi di indebitamento e una diminuzione della crescita dei prestiti. Queste condizioni di finanziamento più restrittive dovrebbero frenare la domanda e contribuire a ridurre ulteriormente l'inflazione verso l'obiettivo del 2%.

Il Consiglio direttivo della BCE si è impegnato a fissare i tassi di interesse di riferimento a livelli sufficientemente restrittivi per garantire un ritorno tempestivo dell'inflazione all'obiettivo del 2% nel medio termine. Le decisioni future terranno conto dei dati economici e finanziari più recenti, nonché della dinamica dell'inflazione di fondo e dell'intensità della trasmissione della politica monetaria.

Inoltre, il Consiglio direttivo ha confermato che a partire da luglio 2023 porrà fine ai reinvestimenti nell'ambito del Programma di acquisto di attività. Questa mossa rappresenta un altro passo verso la normalizzazione della politica monetaria e riflette la fiducia nella stabilità economica.

Tuttavia, resta da vedere come queste decisioni influenzeranno l'economia nell'insieme. Mentre l'aumento dei tassi di interesse mira a contenere l'inflazione, potrebbe anche comportare un rallentamento della crescita economica.

Sarà importante monitorare attentamente l'impatto delle politiche della BCE e l'evoluzione dell'inflazione nei prossimi mesi per valutare l'efficacia delle misure adottate.

Federal Reserve: invariati i tassi d'interesse.

La banca centrale statunitense ha annunciato che i tassi restano tra il 5% e il 5,25%.



Articolo di Finanza e Credito / Commenti