Elezioni, Mastella a Coffee Break: "Persa capacita' di ascolto, 5 Stelle raggiunto il picco"

12:34:42 2300 stampa questo articolo
Mastella a La7Mastella a La7

“Questo sentimento di rivolta ha portato i 5 Stelle a raggiungere il picco, se si andrà a votare tra un anno il risultato sarà diverso”. 

Clemente Mastella sindaco di Benevento, questa mattina, è intervenuto a Coffee Break su La7 per commentare l’esito del voto delle ultime elezioni politiche del 4 marzo e dunque analizzare la straordinaria ascesa del Movimento Cinque Stelle.

“Oggi in Italia – ha esordito il primo cittadino – il voto è diventato come il voto negli Stati Uniti dove ogni elezione è un’elezione diversa”. L’esempio, Mastella, lo prende in casa: “un anno e mezzo fa a Benevento, ho sconfitto abbondantemente i Cinque Stelle, oggi oggettivamente i 5 Stelle prendono il 48%. Io resisto: la punta più alta di Forza Italia, otto punti in più rispetto alla media nazionale ma oggettivamente hanno vinto loro. Delimitare la questione al solo reddito di cittadinanza significa raccontare una parte: è stata borghesia a votare dall’altro lato altrimenti non avresti un consenso così massiccio”.

Mastella poi amplia il ragionamento: “Quando la mia DC prendeva in alcune aree il 60% e quando lo stesso Berlusconi vinse 60 a 0 tutti dissero che c’era la mano di camorra e mafia. Ora se i 5 Stelle a Scampia prendono il 60% appare evidente che qualcosa sia cambiato”.

Da qui, la riflessione sui partiti: "esistono i partiti? – si è poi chiesto l’ex guardasigilli - il problema è che non esistono più, l'ultimo è stato il PD ma non aveva più capacità di ascolto e questo ha facilitato, al Sud, la transizione”.

Questione meridionale e sentimento popolare: “Al Sud – ha proseguito – tante cose non vanno: lavoro, il welfare che non esiste più. I partiti hanno perso il contatto con il sentimento popolare e devono trovare un modo per rivalutarsi”. Il dato per Mastella è questo: “Questo sentimento di rivolta ha portato i 5 Stelle a raggiungere il picco, se si andrà a votare tra un anno il risultato sarà diverso”. 

Riguardo al reddito di cittadinanza Mastella ha asserito: “Nel mio programma quando mi sono insediato ho proposto il reddito di cittadinanza, voglio ricordare che il reddito di cittadinanza nasce con San Tommaso Moro. Il dramma è dato dal fatto che ho trovato un Comune dissestato, poi si ci è messo il ghiaccio, la neve, e tutto questo ha esasperato le persone che fanno di tutta l’erba un fascio”.

Il dramma del Sud: “Il Sud è in una condizione di emergenza sociale e fin quando questo non viene riconosciuto diventa complicato, altro che esasperazione. Anche all’interno della mia coalizione ho proposto: parlare soltanto di flat tax poteva essere un discorso condivisibile per il Nord: qui le tasse non sono in grado di pagarle”.

Qualcosa secondo Mastella è cambiato realmente: “c’è stata una ribellione di tanti mondi e per tante ragioni, altrimenti i Cinque Stelle non avrebbero preso il 60% a Scampia. Una rivolta nei confronti del potere. Ma c’è da dire che quando i 5 Stelle sono messi alla prova, come a Roma, Torino e Livorno, sono andati in difficoltà anche loro”. 

MP



Articolo di Partiti e associazioni / Commenti