Europee. Sovranismo tattico in Ungheria

Dopo le elezioni europee, stravinte con percentuali bulgare, il partito Fidesz del premier magiaro Viktor Orban decide di sospendere la riforma del sistema giudiziario.

La legge, che il governo era riuscito a far approvare a dicembre, aveva introdotto un sistema parallelo di tribunali amministrativi alle dirette dipendenze del ministro della Giustizia: avrebbe così avuto un ruolo determinnante nella nomina dei giudici e anche nella supervisione dei tribunali. All’inizio dell’anno l’Ungheria aveva già modificato alcuni aspetti della legge dopo le proteste della Commissione di Venezia, un organo consultivo del Consiglio d’Europa che si occupa di rispetto dello stato di diritto. Orban si è dimostrato un fine tattico. È vero che Fidesz è stato il partito più votato in Ungheria; a marzo però era stato sospeso dal Partito Popolare Europeo (PPE), dove siede in Parlamento e nelle altre istituzioni, per aver ripetutamente violato lo stato di diritto.

Ancora non è chiaro se a luglio, quando si insedierà il nuovo parlamento, gli eurodeputati di Fidesz continueranno a stare nel PPE oppure si aggregheranno all’alleanza sovranista creata da Matteo Salvini e Marine Le Pen. La decisione di sospendere la riforma è stata interpretata come un segno del fatto che Orbán voglia riappacificarsi con i suoi alleati nel PPE. Questa versione non è stata comunque confermata dal capo del suo staff, Gergely Gulyas, che ha detto: "È stata una scelta dell’ultimo minuto, che sicuramente migliorerà la posizione dell’Ungheria in Europa.


9:24:30 861 stampa questo articolo


  • Calcio. Sarri alla Juve, le reazioni sui social
  • Addio a Franco Zeffirelli. Lavorava ancora, dopo una carriera settantennale tra teatro, cinema e televisione
  • Napoli. Operai Whirlpool bloccano il traffico in via Argine
  • Mondiali donne, Bonansea come Totti nel 2006: tutti pazzi per lei
  • Vertice fra Conte e i vicepremier. Salvini: "Inutile stare al governo per tirarla in lungo o crescere dello zero virgola"
  • Meteo. Le previsioni per domani 11 giugno VIDEO
  • Mondiale calcio femminile. Sara Gama: "Questa squadra ha un cuore grande"
  • Mondiali calcio femminile, il CT Bertolini: "Le ragazze sono state fantastiche"
  • Mondiali di Calcio femminile. Italia Giamaica VIDEO
  • Anniversari. 8 Giugno 1990: Inaugurazione Italia 90
  • Viaggio in Basilicata per scoprire Matera VIDEO
  • Amazon presenta il nuovo drone per le consegne
  • Debito Pubblico. Draghi boccia i mini-bot
  • Facebook taglia i ponti con Huawei
  • "Band of Brothers - Fratelli al fronte": gli attori della serie TV del 2001 incontrano i veterani del D-Day
  • D-Day, parla il veterano: "Corremmo incontro alle mitragliatrici tedesche"
  • Sbarco in Normandia. Le memorie del giorno più lungo
  • Sbarco in Normandia. Il massacro di Omaha beach
  • Il 6 giugno di 75 anni fa lo sbarco in Normandia
  • Marco Carta vola in vacanza a Mykonos dopo l'accusa di furto
  • I Carabinieri si preparano per il 205° anniversario della Fondazione dell'Arma VIDEO
  • Europee. Sovranismo tattico in Ungheria
  • Europee. Il Movimento 5 Stelle rinnova la fiducia a Luigi Di Maio
  • Confindustria. Obiettivo: destinazione turistica per il Sannio. Intervista a Fulvio De Toma