Europee. Sovranismo tattico in Ungheria

Dopo le elezioni europee, stravinte con percentuali bulgare, il partito Fidesz del premier magiaro Viktor Orban decide di sospendere la riforma del sistema giudiziario.

La legge, che il governo era riuscito a far approvare a dicembre, aveva introdotto un sistema parallelo di tribunali amministrativi alle dirette dipendenze del ministro della Giustizia: avrebbe così avuto un ruolo determinnante nella nomina dei giudici e anche nella supervisione dei tribunali. All’inizio dell’anno l’Ungheria aveva già modificato alcuni aspetti della legge dopo le proteste della Commissione di Venezia, un organo consultivo del Consiglio d’Europa che si occupa di rispetto dello stato di diritto. Orban si è dimostrato un fine tattico. È vero che Fidesz è stato il partito più votato in Ungheria; a marzo però era stato sospeso dal Partito Popolare Europeo (PPE), dove siede in Parlamento e nelle altre istituzioni, per aver ripetutamente violato lo stato di diritto.

Ancora non è chiaro se a luglio, quando si insedierà il nuovo parlamento, gli eurodeputati di Fidesz continueranno a stare nel PPE oppure si aggregheranno all’alleanza sovranista creata da Matteo Salvini e Marine Le Pen. La decisione di sospendere la riforma è stata interpretata come un segno del fatto che Orbán voglia riappacificarsi con i suoi alleati nel PPE. Questa versione non è stata comunque confermata dal capo del suo staff, Gergely Gulyas, che ha detto: "È stata una scelta dell’ultimo minuto, che sicuramente migliorerà la posizione dell’Ungheria in Europa.


9:24:30 9591 stampa questo articolo


  • Convegno ISTAT sullla povertà assoluta: metodologia e misura del fenomeno. Diretta streaming
  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere