Fondazione Romano incontra a Telese lo scrittore Alessio Viola

10:24:53 4701 stampa questo articolo
Fondazione 'Gerardino Romano'Fondazione 'Gerardino Romano'

“Ti strappo e ti getto in pasto ai cani”, il romanzo dello scrittore e giornalista Alessio Viola sarà presentato dall'autore presso la Fondazione Gerardino Romano di Telese Terme. L'incontro è fissato per mercoledì 6 maggio, alle ore 18.30, presso la sede della Fondazione in Piazzetta G. Romano nel comune telesino. 

La presentazione del libro, edito da Caratteri Mobili, sarà coordinata dal prof. Felice Casucci. Un romanzo sulla solitudine della malattia, la paura, l’incomprensione, ma anche l’amore. Un uomo con il cancro e cinque donne sue ex compagne: una storia del vivere e del morire, fatta di ricordi, amori, viaggi, gelosie. Un bilancio sulla generazione degli anni Settanta, fra politica, ideali e musica e sullo sfondo i colori della Puglia, del suo mare, della campagna, dei tramonti. “La terra del ricordo e dei rimpianti: coltivazioni selvagge e spontanee che non hanno bisogno di essere innaffiate, crescono e inseriscono i loro pungoli sotto la pelle del presente senza storia”. 


Alessio Viola dice che il cancro si può combattere, oltre che con le medicine e i medici, “parlandone, familiarizzandoci, trattandolo come un ospite sgradito di cui è meglio liberarsi il prima possibile, tenendo a distanza la depressione e tanta inutile retorica. Il cancro è una malattia, non una condanna a morte. Una schifosa, dolorosa malattia che si può aggredire. «L’uomo si aggira circospetto, annusa l’aria, ascolta il vento, cerca di cogliere ogni segnale. Osserva. Un sintomo, un dolore, un respiro diverso dal solito o il rumore di un ramo spezzato lo fa sobbalzare. La bestia è da qualche parte, lo sa». Un libro irrinunciabile, per la sua forza letteraria, e irresistibile, per la capacità che ha di suscitare ilarità e pianto, scritto senza paracadute, nel vuoto compresso di una storia molto personale. Dentro c’è cultura politica, raffigurazioni cromatiche, e musica, tanta musica”. 



Articolo di Letteratura / Commenti