Garanzia Giovani Campania. Bando per attivare i tirocini nelle Pubbliche amministrazioni

10:56:57 11033 stampa questo articolo
Tribunale di BeneventoTribunale di Benevento

C'è un'opportunità concreta per i ragazzi che hanno aderito a Garanzia Giovani Campania: un bando per attivare i tirocini all'interno delle Pubbliche amministrazioni. Comuni, Asl, Tribunali: grazie al programma voluto dall'Europa e destinato ai ragazzi dai 15 ai 29 anni, tutti gli enti pubblici potranno attivare tirocini per i ragazzi.
La Regione Campania, attraverso un bando, ha stanziato 30 milioni di euro per fare in modo che i ragazzi possano fare un'esperienza diretta nelle Pubbliche amministrazioni. Per ognuno di loro è prevista una retribuzione di 500 euro, a carico della Regione, per un periodo massimo di sei mesi. Alla cifra già appostata, la Regione aggiungerà altri 100 milioni di euro.
Le Pubbliche amministrazioni possono aderire al programma, compilando il modulo sul sito www.bandidg11.regione.campania.it.
Dopo questo primo passo, sarà possibile presentare il progetto di tirocinio che, con cadenza settimanale, sarà approvato. Un passo fondamentale per consentire alle Pubbliche amministrazioni di inserire sul sito www.cliclavoro.lavorocampania.it, gestito dall'Arlas, le proprie proposte di tirocinio.
Per accompagnare gli Enti pubblici nel percorso, l'Assessorato regionale al Lavoro ha predisposto, proprio sul portale, una task force di supporto e ha attivato un numero verde (800463303) e un indirizzo mail (arlas@arlas.campania.it) che fornisce supporto, assistenza e consulenza specialistica per la realizzazione del progetto.
Quattro i punti da rispettare per la realizzazione dei tirocini: il numero massimo dei ragazzi deve essere proporzionato ai propri dipendenti a tempo indeterminato; l'annuncio per la raccolta delle candidature dei giovani sul sito www.cliclavoro.lavoro.campania.it; la comunicazione di attivazione del tirocinio deve essere comunicata compilando il modello Unilav, attraverso ilco.lavorocampania.it; la convenzione va stipulata con un soggetto promotore, come, per esempio, l'Arlas.



Articolo di Università, Ricerca / Commenti