Genova, crolla ponte Morandi. Bilancio provvisorio: 22 morti

Una parte del ponte autostradale Morandi è crollata a Genova, schiacciando auto, case e capannoni industriali.

Il bilancio parziale delle vittime è di almeno 22 morti , secondo quanto riferisce il vice ministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi. Il procuratore aggiunto Paolo D’Ovidio, facente funzioni di procuratore capo, ha detto al Secolo XIX che si tratta di un "disastro indicibile, i morti sono almeno 15, ma il bilancio è destinato a salire - ha detto il magistrato. Dobbiamo ancora cercare persone tra le macerie e poi decidere come procedere con le indagini".

Una persona è stata estratta viva dalle macerie ed è stata persona viene trasferita con l'elicottero dei vigili del fuoco all'ospedale San Martino. Sentito da euronews, Davide Di Giorgio, testimone oculare, racconta: "Stavo filmando la pioggia che stava venendo giu per mandare un video ai miei e c'è stato questo rumore, non so se è stato un tuono o il rumore del ponte stesso e ho iniziato a urlare".

"Qui c'è l'inferno" Auto accartocciate come lattine, piloni del viadotto distrutti, macerie crollate a terra e capannoni divelti: questa la scena che si è presentata ai soccorritori sotto il viadotto, ristrutturato nel 2016.

"Qui c'è l'inferno" ripetono i soccorritori impegnati nella ricerca e nel recupero di persone sotto le macerie, scrive ANSA. "Il fatto che abbia smesso di diluviare - spiegano - per fortuna ora può rendere più agevoli le ricerche e i soccorsi" Il viadotto dalle foto sembra spezzato come un modellino in scala: si vede la struttura di asfalto e ferro crollata, il 'vuoto' lasciato da un estremo all'altro e lo scheletro dell' 'armatura del cemento. Alle spalle del viadotto anche molte abitazioni.

Le macerie hanno travolto anche alberi e fili dell'alta tensione, oltre ad alcuni tralicci. In una foto diffusa dai vigili del fuoco si vede anche un camion che è riuscito a fermarsi proprio prima della zona crollata. Dalle prime informazioni di vigili del fuoco e protezione civile, il cedimento sarebbe avvenuto nel tratto che sovrasta via Walter Fillak , nella zona di Sanpierdarena.

Entrambe le carreggiate sono precipitate al suolo per circa cento metri. Questo il drammatico video registrato da un utente nei secondi successivi al crollo: I tre maggiori ospedali genovesi - S.Martino, Villa Scassi e Galliera - hanno aperto le unità di crisi previste dal protocollo di emergenza per i grandi disastri. Tutto è dunque pronto per accogliere eventuali feriti. Il Capo DPC Borrelli ha convocato il Comitato Operativo di Protezione Civile alle 14 a Roma per coordinare gli interventi d'emergenza.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Conte seguirà i lavori in collegamento telefonico prima di recarsi di persona a Genova, in prefettura, dove è atteso in serata e per tutta la giornata di domani. Lo rendono noto fonti di Palazzo Chigi.

Questo il tratto interessato dal crollo: PRIMA/DOPO UN PONTE DA DEMOLIRE E RICOSTRUIRE Il sito ingegneri.info traccia la scheda tecnica del ponte, costruito tra il 1963 e il 1967, anno di inaugurazione, e lungo 1.182 metri (campata maggiore : 210 m). Prende il nome dall'ing. Riccardo Morandi, romano, già ideatore di un più lungo e precedente ponte sulla baia di Maracaibo, in Venezuela, lungo 8.7km. Riferendosi alla struttura genovese, l'ing. A. Brencich, professore associato di Costruzioni in C.A. e C.A.P. dell'Università locale, afferma: "alla luce della vita utile che dovrebbe avere una struttura del genere (almeno 100 anni) è che fin dai primi decenni il ponte è stato oggetto di manutenzioni profonde (fessurazione e degrado del calcestruzzo, nonché creep dell’impalcato) con costi continui che fanno prevedere che tra non molti anni i costi di manutenzione supereranno i costi di ricostruzione del ponte: a quel punto sarà giunto il momento di demolire il ponte e ricostruirlo".

IL PRINCIPALE SNODO AUSTRADALE DI GENOVA Il viadotto Morandi è il principale snodo autostradale di Genova. Collega il ponente al levante della città ed è percorso ogni giorno, tutto l'anno, da migliaia di automezzi. Dall'inizio dell'estate, sul ponte si sono formati quasi ogni giorno ingorghi provocati dalla somma del traffico cittadino e di quello dei turisti che devono raggiungere da un lato il porto, per imbarcarsi su traghetti e navi da crociera, dall'altro l'aeroporto. Migliaia di mezzi, ogni giorno, lo hanno perciò percorso a passo d'uomo nelle due direzioni. Anche oggi, a quanto pare, era affollato.

I genovesi, che lo chiamano ponte di Brooklyn per la somiglianza delle torri di sostegno con quelle del più famoso ponte americano, lo ritengono un simbolo della città e non si capacitano del fatto che possa essere crollato. Questa intervista all'ex consigliere comunale PD, Gianni Vassallo, realizzata da Telenord nel 2014. "Quando era stato costruito non prevedeva il passaggio di mezzi così pesanti".


19:17:56 2339 stampa questo articolo