Gioco d'azzardo, la risposta dei ragazzi del Guacci: "La vita non è un gioco"

10:12:54 3417 stampa questo articolo
Studentesse del Liceo Guacci a Citta' della Scienza contro la ludopatiaStudentesse del Liceo Guacci a Citta' della Scienza contro la ludopatia

Grande interesse a Futuro Remoto, alla Città della Scienza, per le attività proposte nei giorni nove e dieci Novembre dal Liceo “Guacci” di Benevento, sul tema delle azzardopatie per porre un argine alla diffusione del fenomeno.

Con una collaborazione nata tre anni fa tra il Guacci, l'associazionie Libera, con la professoressa Zappale del Dlln di UNISA e il professor Avella del DING di Unisannio, le allieve delle classi terze , sezione A e B, del Liceo Guacci indirizzo Scienze Umane, guidate dalla docente di Scienze umane prof.ssa Mariangela Ciccopiedi, hanno preparato varie attività in risposta al tema.

Hanno proposto due tipi di laboratori, di probabilità e di logica , per dimostrare come sia più educativo, divertente e stimolante giocare insieme puntando sulla logica, sull' intelligenza e sulla sana competizione e collaborazione piuttosto che sul caso e sulla probabilità. La loro tesi ha riscontrato molto successo facendo scattare tra i partecipanti una sana sfida ,con se stessi e con gli altri nell'ottica del sano divertimento. L'intero padiglione ha preso vita con il plauso dei presenti , grazie alla fresca e sana capacità di comunicare delle giovani quanto brave allieve.

Le studentesse hanno operato anche una ricerca sul campo tramite interviste e sondaggi di opinione sulla dipendenza dal gioco d’azzardo .
Hanno offerto agli intervenuti un segnalibro contraddistinto dal simbolo dei quattro assi, a ciascuno di essi corrispondeva una massima mirante a sottolineare il valore dei talenti nel gioco della vita.

Soddisfazione è stata espressa dai docenti del Guacci, che hanno riscontrato una significativa partecipazione di visitatori allo stand del Liceo: "Con grande entusiasmo, le allieve  continueranno il loro lavoro in sede per l'elaborazione dei dati raccolti, lavoro che condivideranno con le due Università in vista dei futuri eventi".



Articolo di Scuola / Commenti