Giornata d'affari per le imprese sannite con importatori del Portogallo

17:53:59 3038 stampa questo articolo
Valisannio. Incontro con i buyer portoghesi (1 dicembre 2015)Valisannio. Incontro con i buyer portoghesi (1 dicembre 2015)

Giornata di incontri importanti per alcune imprese sannite con operatori del Portogallo. Michele Pastore presidente di Valisannio: “Vogliamo accreditare l’importanza e l’unicità del made in Sannio come quell’insieme di valori che accompagna i prodotti, vale a dire qualità, sicurezza e know how”.

I buyer esteri hanno valutato le proposte commerciali delle aziende alimentari sannite che hanno partecipato all’evento.  Gli importatori del Portogallo hanno potuto verificare la qualità delle produzioni tipiche del food made in Sannio, dalla Falanghina, all’Aglianico, ai salumi, ai torroni. 

“Stiamo provando a portare in loco gli importatori – ha detto il Presidente di Valisannio, Michele Pastore – per far conoscere i nostro prodotti enogastronomici, ma anche la cultura e le nostre tradizioni. Vogliamo far crescere la consapevolezza che l’importanza e l’unicità del made in Sannio è quell’insieme di valori che accompagna i prodotti, vale a dire qualità, sicurezza e know how. Nei prossimi mesi, metteremo in piedi ulteriori incontri d’affari con operatori di mercati esteri in forte espansione”.

All’incontro di questa mattina hanno partecipato aziende del settore vitivinicolo - Azienda Agricola Fontanavecchia (Torrecuso), Wartalia srl (Guardia Sanframondi), Cantina di Solopaca, Santiquaranta – Baldino & De Lucia (Torrecuso), Società Agricola Santimartini (Solopaca), Azienda agricola Torre del Pagus (Paupisi) - e del settore agroalimentare - La Provenzale Snc, (azienda dolciaria di San Marco dei Cavoti), la Fattoria delle Golosità Sannite (Salumificio di San Salvatore Telesino) e Filippo De Blasio e C. Srl (Liquori e Distillati di Pontelandolfo).

“Il processo di internazionalizzazione delle imprese – ha aggiunto Pastore – non si può ridurre solo all’export, ma passa anche attraverso la costruzione di strategy partnerships che, partendo dalla valorizzazione dei nostri prodotti tipici, si estandano sul territorio e si rafforzino nel tempo”. 



Articolo di Commercio / Commenti