Gli italiani scelgono la carta di credito per la loro estate

11:29:53 5321 stampa questo articolo
Carta di creditoCarta di credito

Il 71,8% degli italiani predilige la carta di credito per le proprie vacanze all’estero. Restano a casa le prepagate

Sono ormai moltissime le operazioni che si possono portare a termine grazie all’utilizzo delle carte di pagamento e gli italiani ne sono ben consapevoli, tant’è che sono sempre più le persone che si impegnano a cercare le carte di credito più vantaggiose per poter svolgere un’ampia gamma di attività prima loro precluse.

Questo tipo di comodità è ancora più richiesta quando si tratta di viaggiare, in particolare all’estero, poichè avendo con sè uno strumento leggero e maneggevole è possibile gestire anche a distanza il proprio denaro senza avere la preoccupazione del contante. Inoltre, in caso di furto o smarrimento è sufficiente bloccare tempestivamente la carta per non subire danni consistenti.

L’uso piuttosto intensivo delle carte di pagamento da parte degli italiani è stato preso in considerazione dall’Osservatorio SuperMoney che, nella sua ultima ricerca, ha analizzato le richieste per il confronto di carte di credito e carte prepagate pervenute al portale tra maggio e agosto 2013 e tra maggio e giugno 2014, svelando le abitudini dei nostri connazionali durante il periodo estivo.

Il risultato emerso è che sette italiani su dieci, durante le vacanze, preferiscono usare la carte di credito per effettuare pagamenti e prelievi di contante, piuttosto che la prepagata: tra maggio e giugno 2014, il 71,80% degli italiani ha preferito portare in valigia la carta di credito, mentre solo il 28,20% ha optato per una carta prepagata.

Questo tipo di disparità non costituisce un risultato inedito in quanto già lo scorso anno il 63,90% delle persone in partenza tra maggio e agosto 2013 aveva con sé una carta di credito, contro il 36,10% di affezionati alle prepagate.

Tali esiti potrebbero in effetti sorprendere perchè per i viaggiatori solitamente si trovano più a loro agio portando con sé delle prepagate che, in trasferta, hanno certamente numerosi vantaggi rispetto alle carte tradizionali. Per questo motivo, SuperMoney ha esaminato nel dettaglio le condizioni più vantaggiose del viaggiare fuori dall’Italia muniti di carta di credito e prepagata, analizzando nello specifico commissioni e prelievi dall’estero.

Le prepagate prevedono un costo iniziale maggiore rispetto alle carte di credito, ma non hanno commissioni né sul cambio né sugli acquisti con divisa estera.

Un esempio fra tanti, Kalixa Pay, prepagata dell’omonima banca, prevede un costo di attivazione di 4,95 euro, ma nessun altro tipo di commissione. We Swap, invece, funziona al contrario in quanto non ha alcun costo di attivazione, ma applica una commissione dell’1% sul cambio valuta.

Le carte di credito prese in esame, al contrario, hanno una commissione sul cambio e sugli acquisti in divisa estera compresa tra l’1% e l’1,7%, ma non hanno costi di attivazione. Una commissione è prevista anche per quanto riguarda i prelievi agli sportelli ATM (in zona euro) dove questa varia dall’1% di carta Intesa Gold di Intesa San Paolo, al 4% di BNL Classic di Banca Bnl.

Stando a quanto appena esposto non si spiegano i dati registrati e la netta preferenza attribuita dai viaggiatori alla carta di credito.

Per chiarire la situazione interviene Andrea Manfredi, Amministratore Delegato di SuperMoney, che afferma “Le carte di credito sono più versatili. Mettendo in valigia la carta di credito non si hanno problemi di liquidità, mentre può essere difficile ricaricare una carta prepagata dall’estero. Inoltre, quest’ultime hanno spesso un plafond di spesa limitato rispetto alle carte di credito”.

“L’ideale” – continua Manfredi – “sarebbe avere nel portafoglio sia una carta di credito che una prepagata. La prima si può utilizzare per i pagamenti in hotel, per prenotare un volo o noleggiare un’auto, la seconda per effettuare prelievi e piccoli pagamenti”.

Nel caso in cui, in prossimità della partenza, non si disponga di alcun tipo di carta è necessario tenere presente le tempistiche utili per inoltrare la richiesta e ricevere il prodotto.

Non avendo bisogno di alcuna personalizzazione, le prepagate vengono recapitate direttamente in filiale al momento della richiesta e, perciò, possono essere richieste anche pochi giorni prima della partenza.

Non si può dire altrettanto per le carte di credito che richiedono tempi più lunghi: la carta verrà infatti inviata a casa del cliente dopo 15 o 20 giorni dalla richiesta, e solo successivamente verrà inviato anche il codice di attivazione e il pin.

 



Articolo di Guide al Risparmio / Commenti