Il programma religioso della Festa della Madonna delle Grazie

10:51:1 1897 stampa questo articolo
Basilica Madonna delle Grazie di BeneventoBasilica Madonna delle Grazie di Benevento

Domani 1 luglio veglia notturna, il 2 la celebrazione dell’Arcivescovo con l’accensione della lampada votiva da parte del sindaco Mastella.

La festa della Madonna delle Grazie, Patrona di Benevento e Regina del Sannio, vive il suo clou come da tradizione secolare nei giorni 1, 2 e 3 luglio. Presso la Basilica di viale San Lorenzo, retta dai frati minori francescani, è già incessante il pellegrinaggio di fedeli provenienti da ogni comunità del Sannio e dell’Irpinia. Il novenario in preparazione alla festa ha visto alternarsi ai piedi della Vergine, i pellegrini delle zone pastorali dell’Arcidiocesi di Benevento e delle comunità francescane della provincia sannito-irpina.

Domani 1 luglio, vigilia della solennità di Santa Maria delle Grazie, l’appuntamento più sentito sarà quello della veglia in onore della Madonna. La lunga notte di preghiera alla Madre di Gesù, comincerà alle ore 22 con l’animazione delle Suore Francescane Immacolatine. Alle ore 23 ci sarà la solenne concelebrazione eucaristica, presieduta da fra Antonio Tremigliozzi, Ministro Provinciale dei frati minori del Sannio e dell’Irpinia, al termine della quale – alla mezzanotte – ci sarà la supplica alla Madonna delle Grazie. Poi la veglia proseguirà per tutta la notte, fino all’alba del 2 luglio, giorno della festa della Vergine Maria.

Martedì in Basilica ci sarà la celebrazione di Sante Messe ogni ora, a partire dalle ore 6. Alle 10 è prevista la celebrazione solenne, presieduta dall’Arcivescovo di Benevento Mons. Felice Accrocca, con la partecipazione dei Canonici della Cattedrale, dei parroci della città e dei frati minori. Nel corso della liturgia eucaristica si ripeterà il tradizionale rito di accensione della lampada votiva alla Madonna delle Grazie, da parte del sindaco di Benevento Clemente Mastella. Un rito che rinnova il voto cittadino del 1836, quando il popolo beneventano come segno di gratitudine per l’intercessione della Vergine che aveva salvato la città dall’epidemia del colera, decise di edificare il Tempio a Lei dedicato. La celebrazione presieduta dall’Arcivescovo, sarà animata dalla corale cittadina “Mater Misericordiae”, diretta dal maestro Daniela Polito. Nel pomeriggio, dalle 17 alle 21, ci sarà ancora la celebrazione di Sante Messe ogni ora.

Mercoledì 3 luglio è la festa della provincia francescana dei frati minori del Sannio e dell’Irpinia, fondata nel 1911 e intitolata a Santa Maria delle Grazie. In mattinata, alle ore 11, ci sarà la solenne celebrazione eucaristica presieduta da fra Antonio Tremigliozzi, con tutti i frati della provincia e la partecipazione dei rappresentanti dell’Ordine Francescano Secolare e della Gioventù Francescana. La liturgia sarà animata dal coro “Madonna delle Grazie”.

Nel pomeriggio del 3 luglio, alle ore 17 ci sarà un momento dedicato a tutti i bambini, con la consacrazione dei piccoli alla Madonna e un momento di festa finale sul sagrato della Basilica.

Sulla pagina Facebook “Basilica Madonna delle Grazie”, sarà possibile seguire in diretta video le principali celebrazioni, a cominciare dalla veglia di domani sera a partire dalle ore 22 e dalla Santa Messa presieduta dall’Arcivescovo alle ore 10 del giorno 2 luglio.

A corollario del programma religioso della festa della Madonna delle Grazie, il gruppo di animazione vocazionale dei frati minori del Sannio e dell’Irpinia, proporrà nelle serate dell’1, 2 e 3 luglio, la “Tenda Giovani”. Nel piazzale antistante la Basilica ci sarà uno spazio dove verrà proposta ai giovani che si recheranno a visitare la Madonna, un'esperienza di annuncio per scoprire l'amore di Dio attraverso la bellezza dell'arte, della musica e della danza. Sarà un modo originale per aiutare le nuove generazioni a fare esperienza del grande amore che Dio ha per ciascuno di loro perché "il cuore di ogni giovane è terra sacra, portatore di semi di vita divina e davanti al quale dobbiamo toglierci i sandali per poterci avvicinare e approfondire il Mistero" (“Christus Vivit” di Papa Francesco n° 67).



Articolo di Chiesa / Commenti