Incendio all'impianto rifiuti di Sant’Antonio Abate, prosegue il monitoraggio dell'Arpac

16:11:36 1305 stampa questo articolo
filiera dei rifiuti - impianto differenziatafiliera dei rifiuti - impianto differenziata

Proseguono le attività di monitoraggio condotte da Arpac in seguito all’incendio che mercoledì scorso, a tarda sera, ha colpito un impianto di gestione dei rifiuti a Sant’Antonio Abate (Napoli).

Ieri alle 20.30 è entrato in funzione il laboratorio mobile per il monitoraggio della qualità dell’aria, collocato dall’Agenzia ambientale a meno di cento metri dal sito colpito dall’incendio. I primi dati disponibili mostrano che dal momento in cui il laboratorio è entrato in funzione, fino alle 15 di oggi, non si sono verificati superamenti dei limiti di legge per quanto riguarda le concentrazioni di ossidi di azoto, ozono e monossido di carbonio. Per la disponibilità dei dati sulle concentrazioni di polveri sottili occorre attendere la fine del primo ciclo di campionamento di ventiquattro ore.

Continua inoltre il campionamento di alti volumi di aria per la ricerca di diossine e furani, grazie a un dispositivo in funzione da ieri mattina nei pressi del sito colpito dall’incendio. Si è chiuso il primo ciclo di campionamento di ventiquattro ore, i cui esiti verranno diffusi non appena disponibili, al termine dei tempi tecnici necessari per le analisi. Gli aggiornamenti sulle attività in corso verranno pubblicati sul sito arpacampania.it.



Articolo di Napoli / Commenti