Inclusione oltre le curve Incontro sui disturbi dell’apprendimento a San Bartolomeo in Galdo

12:7:39 922 stampa questo articolo
Incontro S. BartolomeoIncontro S. Bartolomeo

Scopo dell'incontro è quello di superare il paradigma “assimilazionista”, fondato sull’adattamento del “diverso” ad un’organizzazione scolastica strutturata essenzialmente in funzione degli alunni “normali”

Si è svolto il 13 febbraio, presso il teatro comunale di San Bartolomeo in Galdo, affollato di genitori e docenti, l’ incontro sui bisogni educativi “normali”, organizzato da AIFA Campania e dalla sez. AID di Benevento su invito della dirigente scolastica Maria Vittoria Barone. L’evento ha visto protagonisti la dirigente scolastica della locale scuola la prof.sa Maria Vittoria Barone, la quale ha introdotto i lavori, invitando i docenti ad una formazione continua e a trovare “il senso erotico dell’insegnamento” come missione e con passione, a seguire i saluti del dott.Massimo Micco e la lezione del dott. Roberto Ghiaccio. Tema del, freddo pomeriggio, le difficoltà ed i disturbi dell’apprendimento, in ottica inclusiva e con riflessione sulla valutazione costruttiva e formativa. Tra le prime slide del dott. Ghiaccio si legge “brutti voti a scuola non ne vogliamo più, Papa Francesco pensaci tu”; la riflessione si allarga sulla fatica dell’ apprendimento e a tal proposito si legge nelle slide del dott. Ghiaccio “ Non bisogna confondere, soprattutto parlando di scuola, la fatica con la sofferenza. La fatica è un tratto fondamentale delle azioni umane e può coniugarsi con la passione, l’interesse e la curiosità. La sofferenza, invece, richiama il disagio e, quindi, una condizione che non consente la possibilità di apprendere”.

Intento dell’incontro, dice il dott. Ghiaccio “ è quello di superare il paradigma “assimilazionista”, fondato sull’adattamento del “diverso” ad un’organizzazione scolastica strutturata essenzialmente in funzione degli alunni “normali”, dove la progettazione per gli alunni “diversi” riveste ancora un ruolo residuale. In quest’ottica, la finalità è quella di portare il diverso a normalizzarsi il più possibile, anche se questo nega la differenza in nome di un ideale di uniformità non sempre raggiungibile. Le ricadute sono rilevanti anche in ambito educativo: richiedere al diverso di normalizzarsi porta a ritenere che sia l’alunno a non riuscire a seguire il programma scolastico, piuttosto che chiedersi se quel programma è adatto o adattabile all’alunno!L’idea di inclusione invece non si basa sulla misurazione della distanza che c’è tra il livello dell’alunno diverso e un presunto standard di adeguatezza, ma sul riconoscimento della rilevanza della piena partecipazione alla vita scolastica di tutti i soggetti. Se l’integrazione è uno stato, l’inclusione è un processo, una cornice entro cui tutte le condizioni possono essere valorizzate, rispettate e fornite di opportunità a scuola… oltre le curve e le barrire territoriali.”



Articolo di Scuola / Commenti