Italia, CNR: "Nessun rischio di sisma devastante"

L’Italia torna a tremare. Nuova forte scossa di terremoto giovedì sera in Molise e in Abruzzo. Il sisma è stato avvertito, seppure con intensità minore, anche in alcune zone del Lazio e e della Campania.

La scossa di magnitudo 5.1, con come epicentro in provincia di Campobasso, non ha provocato danni ingenti nè feriti. Ma solo tanta paura e l’ansia che si possa di nuovo verificare qualcosa di devastante come i terremoti dell’Aquila, dell’Emilia Romagna, di Amatrice. Una possibilità piuttosta remota, queste scosse rientrano nella normale attività sismica dell’area, come ci conferma anche il Professore Paolo Messina , Direttore dell’Istituto di Geologia Ambientale e Geoingegneria del CNR .

“Queste scosse di terremoto rientrano negli eventi naturali in zone che sono sismicamente attive; sappiamo che quella zona del Molise è attiva, si possono verificare terremoti naturali che avvengono in zone che sono sismicamente attive. Quindi si possono attendere terremoti anche di una certa magnitudo come quello di ieri.” La domanda ora è ci si deve aspettare un terremoto di dimensioni più devastanti come quelli dell’Aquila, dell’Emilia Romagna, o di Amatrice.

Secondo il Professore Rossi è una possibilità remota. “No, no. Questo non si può dire perchè non si possono fare previsioni su scosse di terremoto di magnitudo maggiore. E' una zona in cui avvengono terremoti di magnitudo anche più forte come 5.5, quindi rientrano più o meno nel range dei terremoti che sono avvenuti in questi giorni. Lo sciame sismico si sta piano piano diminuendo come intensità delle scosse, quindi speriamo che il tutto termini nel giro di pochi giorni o di qualche settimana.” Scosse di terremoto si sono poi registrate nella mattinata del 17 agosto in Molise anche se lo sciame registrato a partire dalla serata di ieri appare in attenuamento. L'ultimo sisma è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 6,12 a Costa Marchigiana, in provincia di Ancona, per una magnitudo di 2,6 e a 8 chilometri di profondità.


17:17:33 2918 stampa questo articolo