Italiani in Niger contro il terrorismo e i trafficanti di uomini

Una parte del contingente italiano in Iraq verrà spostata in Niger per lottare contro il terrorismo e il traffico di esseri umani. Lo ha detto Paolo Gentiloni , salito a bordo della nave militare Etna , con la ministra della difesa Roberta Pinotti , per salutare i soldati della Missione europea Sophia nel Mediterraneo.

Paolo Gentiloni ha detto, tra l'altro: "Daesh è stato sconfitto, la minaccia terroristica non è scomparsa, naturalmente. E noi dobbiamo continuare a lavorare concentrando le nostre attenzioni e le nostre energie in quel mix di minacce, dal punto di vista del traffico di esseri umani e del terrorismo, che è andato negli ultimi anni consolidandosi nel Sahel, in Africa. La porta d'ingresso in Libia Il Niger si trova a Sud della Libia, principale snodo del traffico attuale e da cui i migranti partono e arrivano in condizioni che testimoni e ONG hanno definito disumane. La missione, si parla di alcune centinaia di uomini dedicati esclusivamente all'addestramento delle forze locali, dovrà essere autorizzata dal Parlamento, ma una prima ricognizione a Niamey sarebbe già in corso. In Niger operano tra l'altro le truppe francesi, che hanno nel paese del Sahel una delle loro più importanti basi in Africa".

Il presidente francese Emmanuel Macron si è recato in visita fra i soldati poco prima di Natale, annunciando, tra l'altro, che l' operazione Barkhane , iniziata nel 2014 contro i jihadisti salafiti del Sahel, manterrà la stessa intensità anche nel 2018. Il Presidente del Consiglio dei ministri italiano ha anche tracciato un bilanco della lotta al nuovo schiavismo: la missione navale europea, sotto direzione italiana, ha portato nel 2017 al fermo di 130 scafisti e alla distruzione di circa 600 barconi.


12:11:16 3258 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa