L’Unifortunato presenta il Master 231

15:11:5 3445 stampa questo articolo
Master 231Master 231

Formazione qualificata con docenti di alto livello del mondo dell’Accademia, della Magistratura e delle Professioni.

Sono in corso le iscrizioni per il Master 231 di II livello in “Esperti in responsabilità da reato degli Enti collettivi ex D.LGS n° 231/2001”, organizzato dall’Università Giustino Fortunato in collaborazione con il Centro Studi della Rivista 231.

Il Master 231 di II livello intende formare e qualificare una nuova figura professionale, molto richiesta nelle società e negli enti collettivi che devono dotarsi di appositi modelli organizzativi, integrandoli con la normativa anticorruzione, comprese le società in house partecipate dalla Pubblica Amministrazione.

Questo nuovo Master dell’UniFortunato si rivolge a professionisti come avvocati, dottori commercialisti, esperti contabili, ingegneri, dottori in scienze politiche e discipline equivalenti, nonché a tutti quei professionisti che affiancano le società e gli enti dotati di personalità giuridica e le associazioni - anche prive di personalità giuridica - nella predisposizione e nell'aggiornamento dei modelli organizzativi, e, infine, a tutte le funzioni aziendali coinvolte nel sistema 231 e ai componenti degli Organismi di Vigilanza.

Il Master 231 di II livello, si articola in 7 Moduli composte da circa 70 lezioni della durata media di 45 minuti, ed è strutturato interamente in modalità telematica, con materiale didattico disponibile su piattaforma e-learning h24/7 per consentire agli interessati di studiare nei tempi e nelle modalità a loro più congeniali, compatibilmente con l’attività professionale quotidiana.

Il percorso - la cui formazione viene erogata da 42 docenti provenienti dal mondo dell’Accademia, della Magistratura e delle Professioni, col supporto e l’assistenza di e-tutor -inizia a gennaio 2019 e termina a novembre 2019 con l’esposizione di un elaborato finale davanti alla Commissione d’esame in una delle sedi dell’UniFortunato (Milano, Roma e Benevento).



Articolo di Università, Ricerca / Commenti