L'Africa lancia l'unione doganale: quali sfide per l'Europa?

Provano ad aiutarsi a casa loro. 52 su 54 Paesi del continente africano hanno battezzato un accordo di libero scambio (l’acronimo internazionale è AfCFTA), finalizzato a creare un’ Africa senza dazi, in grado di far crescere le imprese locali, il commercio e l’occupazione.

Attualmente il commercio intra-africano è pari al 17% del totale, un livello molto pù basso rispetto al 69% dell’Europa. Il neonato accordo garantirà l'unione doganale in un mercato unico di un miliardo di persone e di oltre due miliardi di dollari di Pil. Nel momento in cui gli Stati Uniti affossano il partenariato trans-Pacifico e il Regno Unito prova con la Brexit a tirarsi fuori dalle regole comuni europee, l'intesa potrebbe rappresentare una sfida importante per l'Europa, come spiega Benedetto Della Vedova, leader di +Europa , già sottosegretario agli affari esteri con Renzi e Gentiloni ed europarlamentare nella V legislatura.

Latte olandese, zucchero francese, manufatti cinesi riempiono gli scaffali dei market africani. Prodotti che potrebbero essere acquistati indoor: in Marocco, Nigeria, Ghana, Sudafrica, ad esempio, che dispongono di un tessuto produttivo sufficiente. La quasi assenza di scambi di vicinato è invece il frutto della giungla di regole e tariffe doganali che ha reso finora il mercato interno costoso e poco appetibile. Con il nuovo corso, le imprese europee si trovano di fronte a una possibile criticità. L'aumento del commercio interno, tra Paesi africani, potrebbe infatti portare alla contrazione di alcune tratte commerciali con l'Europa. Ma sarà una sfida importante, anche in relazione alla sempre più tesa politica commerciale statunitense e all'incognita Brexit con la quale il Regno Unito prova a tirarsi fuori dal mercato unico europeo.

Conclude Della Vedova: "In prospettiva - siccome sull'Africa si gioca la partita di questo secolo, economica, della globalizzazione e delle migrazioni - io credo che l'Europa abbia una grande possibilità, anche per mantenersi ancorata ai propri valori rappresentativi, che sono quelli del multilateralismo, di una progressiva integrazione basata sulle regole e, aggiungerei, sullo Stato di diritto, la democrazia e il mercato libero regolato".


9:54:47 582 stampa questo articolo


  • "Perfetti Sconosciuti" da Guinness, la commedia di Genovese è il film con più remake di sempre
  • Nuovi distintivi per la Polizia VIDEO
  • Ecofin: le raccomandazioni per l'Italia
  • Migranti in Italia: chiuso il Cara di Mineo
  • Le previsioni Meteo di oggi 8 luglio VIDEO
  • Intervista al Premio Strega Antonio Scurati: "Mussolini prototipo di ogni leader populista"
  • L'Africa lancia l'unione doganale: quali sfide per l'Europa?
  • Immigrazione. La solidarietà del Papa, i porti chiusi di Salvini
  • Meteo. Le previsioni per oggi 7 luglio VIDEO
  • Omaggio a Ugo Gregoretti. Documentario "Vientos del Pueblo-Gli Inti-Illimani nel Sannio e nel Matese"
  • Stromboli, situazione sotto controllo tra tanta paura e sollievo
  • Giornata mondiale del bacio, i 20 baci del cinema più cercati sul web
  • Scuola Viva. Il TG dell'IC di Ponte conclude il modulo di giornalismo digitale
  • Pietro Bartolo, medico di Lampedusa: "L'immigrazione è una ricchezza per l'Europa"
  • Il Premio Strega approda in Francia: i cinque finalisti incontrano i lettori europei
  • Napoli 2019 Summer Universiade sarà aperta da Andrea Bocelli VIDEO
  • Meteo. Le previsioni per il 27 giugno VIDEO
  • Procedura di infrazione, Thygesen: "L'Italia faccia più attenzione ai toni"
  • Napoli. Operazione anti-camorra "Cartagena": 126 arresti nell'Alleanza di Secondigliano
  • Torino. Spettacolare: 302 droni luminosi in volo per festeggiare il Santo Patrono
  • Blitz antindrangheta in Emilia Romagna contro la cosca Grande Aracri
  • Mondiali di Calcio femminili. Italia-Cina 2-0, azzurre volano ai quarti VIDEO
  • Meteo. Le previsioni per domani 26 giugno VIDEO
  • Le previsioni meteo di oggi 25 giugno 2019