L'Africa lancia l'unione doganale: quali sfide per l'Europa?

Provano ad aiutarsi a casa loro. 52 su 54 Paesi del continente africano hanno battezzato un accordo di libero scambio (l’acronimo internazionale è AfCFTA), finalizzato a creare un’ Africa senza dazi, in grado di far crescere le imprese locali, il commercio e l’occupazione.

Attualmente il commercio intra-africano è pari al 17% del totale, un livello molto pù basso rispetto al 69% dell’Europa. Il neonato accordo garantirà l'unione doganale in un mercato unico di un miliardo di persone e di oltre due miliardi di dollari di Pil. Nel momento in cui gli Stati Uniti affossano il partenariato trans-Pacifico e il Regno Unito prova con la Brexit a tirarsi fuori dalle regole comuni europee, l'intesa potrebbe rappresentare una sfida importante per l'Europa, come spiega Benedetto Della Vedova, leader di +Europa , già sottosegretario agli affari esteri con Renzi e Gentiloni ed europarlamentare nella V legislatura.

Latte olandese, zucchero francese, manufatti cinesi riempiono gli scaffali dei market africani. Prodotti che potrebbero essere acquistati indoor: in Marocco, Nigeria, Ghana, Sudafrica, ad esempio, che dispongono di un tessuto produttivo sufficiente. La quasi assenza di scambi di vicinato è invece il frutto della giungla di regole e tariffe doganali che ha reso finora il mercato interno costoso e poco appetibile. Con il nuovo corso, le imprese europee si trovano di fronte a una possibile criticità. L'aumento del commercio interno, tra Paesi africani, potrebbe infatti portare alla contrazione di alcune tratte commerciali con l'Europa. Ma sarà una sfida importante, anche in relazione alla sempre più tesa politica commerciale statunitense e all'incognita Brexit con la quale il Regno Unito prova a tirarsi fuori dal mercato unico europeo.

Conclude Della Vedova: "In prospettiva - siccome sull'Africa si gioca la partita di questo secolo, economica, della globalizzazione e delle migrazioni - io credo che l'Europa abbia una grande possibilità, anche per mantenersi ancorata ai propri valori rappresentativi, che sono quelli del multilateralismo, di una progressiva integrazione basata sulle regole e, aggiungerei, sullo Stato di diritto, la democrazia e il mercato libero regolato".


9:54:47 7381 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa