L'eccidio nazista del 1943, convegno in ricordo dei quattro giovani morti a Faicchio

9:55:48 5446 stampa questo articolo
Locandina eventoLocandina evento

È in programma il prossimo 17 ottobre, a Faicchio, il ricordo dell’eccidio nazista di 4 giovani di San Salvatore Telesino avvenuto nella chiesetta di San Francesco il 15 ottobre del 1943.

Aldo Pezzato 18 anni, Francesco De Rumors Dusmet 18 anni, Rosario De Leva 16 anni, provenivano da Napoli, erano degli sfollati, e scelsero insieme alle loro famiglie di rifugiarsi a San Salvatore Telesino, dove credevano che gli orrori della guerra non sarebbero mai arrivati. Benedetto Bove 19 anni, invece, era nativo del vicino centro telesino mentre Ferdinando Di Meo era un contadino 67enne del centro titernino. Sono questi i nomi dei quattro ragazzi e del contadino trucidati dall’esercito tedesco in ritirata il 15 ottobre del 1943, le cui storie sono impresse nel libro scritto da Emilio Bove dal titolo “L’ultima notte di Bedò”, Edizioni Veraja 2010. 

Nel volume, Bove, cugino del Benedetto ucciso dai nazisti, prova a tracciare le ultime ore di questi quattro ragazzi. Tutto infatti, ebbe inizio qualche giorno prima, nella notte tra il 5 ed il 6 ottobre, quando qualcuno disinnescò le cariche posizionate dai tedeschi sotto ponte Cavour e trafugò anche delle munizioni. In paese poi, arrivò anche un paracadutista americano e le continue razzie perpetrate dalle SS acuirono le frizioni tra i cittadini del Casale e l’occupante.

In questo andirivieni di eventi, i tedeschi decisero di compiere un rastrellamento all’interno del centro di San Salvatore Telesino. La Wehrmacht diede ordini ben precisi: si dovranno presentare tutti gli uomini dai 15 ai 60 anni, chi non lo farà sarà fucilato. I più all’alba riuscirono a fuggire ed a nascondersi, ma non tutti, 128 persone furono comunque prese e riunite in Piazza Nazionale prima di essere poi trasportati a bordo di alcuni camion nel carcere di Piedimonte Matese.

Inizia qui, la tragica fine dei 4 giovani che verranno ricordati sabato a Faicchio, prima con una Santa Messa proprio nella chiesetta che ne conservò i corpi celebrata da mons. Gaetano Ciaburri e don Antonio Parrillo, alle 17.00, a cui seguirà nell’aula consiliare del comune titernino un convegno dal titolo “Il tempo e la memoria, verso il museo della memoria locale”.

Dopo i saluti del primo cittadino Nino Lombardi, del consigliere delegato alla Cultura Giovanni Onofrio e di Vincenzo Marenna presidente del Consiglio comunale sarà il momento degli interventi affidati a mons. Gaetano Ciaburri, Vincenzo Petrucci, al presidente ANPI di Benevento Tonino Conte, Simon Pocock giornalista e autore del libro “Campania 1943” e ad Emilio Bove curatore del libro “L’ultima notte di Bedò” e scrittore. 



Articolo di Letteratura / Commenti