La battaglia del Prosecco. I produttori chiedono lo stop ai vigneti Docg dal primo agosto

Si fa presto a dire Prosecco . Dietro allo spumante italiano, che nel 2014 ha superato lo champagne diventando il più venduto al mondo, si nasconde un universo con molte differenze e in continua crescita.

Aumenta la produzione , che ha raggiunto 600 milioni di bottiglie, crescono le esportazioni (+16% nel 2018). Ma la bollicina rischia di scoppiare e per difendersi dalle oscillazioni dei prezzi, le due Docg che rappresentano le colline storiche del prosecco corrono ai ripari, chiedendo alla Regione uno stop - a partire dal 1 agosto - all'iscrizione di nuovi vigneti nella denominazione garantita. Gianpaolo Giacobbo, responsabile del Veneto per la guida Slow Wine, edita dall'associazione Slow Food, racconta le difficoltà dei piccoli produttori: "C'è una nuova generazione di produttori, proprio sulle colline del Valdobbiadene superiore, che sta facendo del suo meglio per fare un prodotto che poi magari non trova adeguata risposta sul mercato. A meno di non adottare politiche di abbassamento del prezzo , che però non sono giuste, perché non danno dignità né al lavoro né a quelle terre". Stop ai diserbanti Altro impegno assunto dalla Docg Conegliano-Valdobbiadene, da quest'anno, è la messa al bando del glifosato sul territorio dei suoi 7 comuni. Un modo in più per marcare la differenza dalla produzione intensiva e meccanizzata che fa però la parte del leone. Su 100 bottiglie di prosecco che finiscono sul mercato, solo 16 arrivano dalla denominazione garantita . Ancora Giacobbo: "Sull'onda di un successo commerciale innegabile ci si è fatti prendere un po' la mano. La Doc del Prosecco è stata estesa fino quasi al mare e al Friuli Venezia Giulia. Questo tende a mettere sul mercato un mare magnum di prodotto, un'offerta amplissima, quasi uno tsunami di un prodotto che però rischia di perdere una sua vera identità".


12:34:12 1147 stampa questo articolo


  • Flash mob con Roberto Bolle invade il centro di Napoli
  • Migranti: Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia davanti alla Corte di giustizia europea
  • Elezioni Europee 2019. Dibattito dei candidati alla presidenza della Commissione LIVE ORE 21:00
  • Incontro Macron-Zuckerberg: nasce l'Autorità Garante dei Social Network
  • Ndrangheta, smantellato maxi traffico di hashish tra Spagna e Italia
  • Salerno, finge di fare foto con Salvini: "Non siamo più terroni di merda?" e per ordine del ministro le sequestrano il telefono
  • Napoli. Camorrista si fa raggiungere dalla moglie per far provviste per il rifugio: arrestato
  • Salvini a Modena, la rabbia dell'anziana: "Io ex sfollata di guerra, come si fa a respingere chi scappa dalla Libia?"
  • Lotta a fake news e odio: Facebook "banna" l'estrema destra
  • Italia, indietro tutta sui diritti delle donne. Il rapporto Censis fotografa la condizione femminile
  • Rapporti Italia Francia, Leonardo: l'accordo e la smentita
  • 25 aprile, 74esimo anniversario tra polemiche e divisioni
  • Messaggio di Pasqua 2019 dell'arcivescovo di Benevento mons. Felice Accrocca VIDEO
  • Meteo. Anticiclone subtropicale per il fine settimana di Pasqua
  • La battaglia del Prosecco. I produttori chiedono lo stop ai vigneti Docg dal primo agosto
  • La battaglia del Prosecco. I produttori chiedono lo stop ai vigneti Docg dal primo agosto
  • Nunzia De Girolamo a Ballando con le stelle in versione motociclista
  • Benevento. Previsioni meteo per il 27 marzo 2019 VIDEO
  • Momenti di trascurabile felicità
  • Aladin
  • "L'altro volto della musica" . Intervista a Filippo Zigante, direttore artistico della Stagione Concertistica 2018-20 dell'Accademia di S. Sofia
  • Ambiente: Greta Thunberg nominata per il Premio Nobel per la Pace
  • Virale il coro dei bambini che canta l'inno per l'ambiente sulle note di Bella ciao
  • Tutte le feste del carnevale