La Finanza sequestra autocisterna con 36.500 litri di gasolio. Due denunce

13:0:26 5051 stampa questo articolo
AutocisternaAutocisterna

Le Fiamme Gialle della Compagnia di Nocera Inferiore hanno effettuato un intervento a contrasto delle frodi in materia di accise sugli oli minerali che ha portato al sequestro di 36.500 litri di gasolio per autotrazione.

L'autocisterna è stata individuata dai finanzieri, durante un controllo di pattuglia. Il gasolio era trasportato senza la specifica documentazione prevista in relazione all’imposta sulle accise, con documenti alterati che non consentivano di individuare i soggetti interessati all’operazione di trasporto né l’effettiva quantità trasportata. Per tale motivo è stato sequestrata l'autocisterna con i 36.500 litri di gasolio per autotrazione che trasportava.

L’autista dell’autocisterna e il rappresentante legale della società esecutrice del trasporto sono stati deferiti a piede libero alla competente Autorità Giudiziaria, in concorso tra loro, per le violazioni di carattere penale sancite e punite dal Testo Unico sulle Accise.

Intanto proseguono le indagini per accertare la regolare composizione chimica del gasolio sottoposto a sequestro, al fine di reprimere eventuali adulterazioni del prodotto stesso, fenomeno, largamente diffuso negli ultimi anni, che consente ingenti illeciti guadagni agli operatori del settore. Il carburante viene infatti sottratto all’accertamento o al pagamento delle accise, a discapito del consumatore finale, oltre che in danno dell’ambiente, in quanto il prodotto energetico così ottenuto subisce un mutamento incontrollato della composizione chimica, disattendendo le tolleranze percentuali dei singoli componenti previste e consentite dalla normativa vigente di riferimento. Questo si traduce negativamente in termini di inquinamento atmosferico a seguito della combustione.



Articolo di Salerno / Commenti