Lavori del futuro: dai requisiti alle lauree più cercate

10:3:30 3742 stampa questo articolo
Robot scultore in azione a CarraraRobot scultore in azione a Carrara

Sei alla ricerca della tua strada nel mondo del lavoro? Probabilmente ti interesserà conoscere quelli che ormai sono considerati come “lavori del futuro”.

Negli ultimi anni, il mondo del lavoro sta cambiando moltissimo, soprattutto grazie alla digitalizzazione, che sta portando alla nascita di nuove competenze sempre più indispensabili.

Quali sono i lavori più richiesti per il futuro? E quali sono le competenze necessarie per svolgerli?

Le cinque professioni emergenti nel futuro: ecco quali sono

Il mondo del lavoro sta passando per dei cambiamenti estremamente rilevanti, che hanno modificato la maggior parte dei lavori tradizionali e, al tempo stesso, hanno creato delle nuove professioni.

Andiamo subito a scoprire quali sono le cinque professioni che verranno sempre più richieste nei prossimi anni.

Al primo posto abbiamo l’ingegnere robotico, ossia colui che si occupa della progettazione e della realizzazione dei robot. Si tratta di un lavoro che, solitamente, viene svolto in team e che ogni anno viene sempre più richiesto.
Laurea necessaria? Ovviamente quella in ingegneria.

Il secondo lavoro del futuro che andiamo a vedere è il data analyst, quel professionista che si occupa dell’analisi e dell’interpretazione dei dati. Questa figura è sempre più richiesta dalle aziende in quanto, dall’elaborazione e lo studio dei dati, può trarre interpretazioni utili a migliorare le scelte aziendali.

In questo caso viene spesso richiesta la laurea. Le più comuni sono quelle in informatica, matematica, statistica ed economia.

Il terzo “lavoro del futuro” che vogliamo menzionare è il clinic manager, ossia colui che si occupa di gestire una clinica. Per farlo, anche qui, è richiesta la laurea, nello specifico in infermieristica.
Inoltre, è richiesta l’esperienza nella gestione di una clinica. 

Arriviamo al quarto lavoro: l’analista delle risorse umane. Si tratta di un professionista che ha il compito di gestire le diverse funzioni delle risorse umane.
Insomma, assunzione e licenziamento dei dipendenti, ma anche tutto ciò che riguarda la vita in azienda.

Se vuoi entrare in questo settore e lavorare come analista delle risorse umane, ti consigliamo di conseguire la laurea in una facoltà umanistica, come comunicazione o psicologia.

Infine, l’ultimo dei lavori del futuro che andiamo a vedere è il data scientist, ossia colui che raccoglie una grande mole di dati per poterli analizzare e interpretare.

Si tratta di una professione che è nata in tempi relativamente recenti, con Internet e, ad oggi, è fondamentale per scoprire nuovi trend.
Lauree necessarie? ingegneria, fisica, matematica o economia.

Serve la Partita IVA per svolgere i lavori del futuro?

Una domanda molto gettonata è: serve la Partita IVA per svolgere questi lavori?

Dipende. Infatti, alcuni di questi lavori richiedono obbligatoriamente l’apertura della Partita IVA per poter lavorare, mentre altri possono essere svolti anche come dipendente.

Insomma, ogni situazione dev’essere valutata nello specifico e, di conseguenza, ti consigliamo di parlarne con un consulente fiscale.

Ad esempio, con Fiscozen puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno per rispondere a tutti i tuoi dubbi sulla necessità di aprire la Partita IVA. 



Articolo di Tecnologia & Internet / Commenti