LegaPro. Risveglio da prima della classe per il Benevento. Brini: 'Non abbiamo vinto ancora niente'

10:28:47 4362 stampa questo articolo

Il Benevento prova a scappare e la città applaude la truppa di mister Brini che, dopo dieci giornate, non solo assapora il primato in solitudine, ma, assieme a Juventus, Sampdoria e Carrarese, mantiene un invidiabile 'zero' nella casella sconfitte.
La decima giornata del torneo è stata proficua per la truppa giallorossa anche se ha fatto registrare diversi balzi in avanti di squadre in lotta per le primissime posizioni, segno che si tratta di un torneo equilibratissimio dove tutto si deciderà solo all'ultima giornata. Il tris del Lecce a Salerno rilancia le ambizioni dei salentini, squadra costruita per vincere il torneo passando per la porta principale, mentre ridimensiona leggermente le velleità granata. Reagisce da grande anche il Matera di mister Auteri: i lucani sono una squadra temibile e cinica e lo hanno dimostrato vincendo a Barletta con il minimo sforzo. Mezza frenata per il Catanzaro che non è andato oltre il pari allo 'Zaccheria' di Foggia, dove vincere sarà difficile per tutti. Sugli scudi anche la Juve Stabia che vince e agguanta la Salernitana al secondo posto, mentre Lupa Roma e Casertana si dividono la posta in palio. C'è poi da registrare l'ennesimo exploit della Vigor Lamezia, prossimo avversario del Benevento, che tiene il passo delle prime e si consacra la vera sorpresa di questa prima parte del torneo di LegaPro girone C.

91esimo


In casa giallorossa gli animi sono a mille ma a riportare tutti con i piedi a terra è
Brini: “Non posso non ammettere di essere contento della vittoria che abbiamo ottenuto. Non dobbiamo però ora commettere errori e calare la concentrazione: la nostra è una squadra formata da giocatori esperti e rimanere noi stessi è la cosa più naturale e giusta da fare. Sarebbe nocivo pensare di aver già vinto il campionato, dobbiamo costruire gioco e rimanere calmi come oggi. Abbiamo segnato due gol e abbiamo concesso poco agli avversari, siamo primi da soli ma questo non deve farci credere di essere diventati bravi e superiori. Dobbiamo imparare a goderci il momento senza cadere nella superficialità. Eravamo consapevoli che dopo le sconfitte di Salernitana e Casertana avremmo allungato il passo e questo non mi piace perché conoscere in anticipo i risultati aumenta la pressione. È vero ho avuto timore ricordando Melfi ma la differenza è che non abbiamo concesso nulla. Anche le sensazioni della vigilia si sono dimostrate vere e fondate perché avete visto tutti che ci siamo trovati davanti un Aversa combattiva e motivata. Forse però nel secondo tempo potevamo tenere di più il pallone invece di ripartire. Ora pensiamo alla Casertana ed alla sfida di coppa di mercoledì, lo annuncio farò tanto turnover non perché snobbo la competizione, ma per dare spazio a chi fin ora ha giocato meno. Mazzeo deve lavorare ancora ma state sicuri che ci tornerà utile perché ha tante qualità, deve solo trovare la condizione giusta”.
In sala stampa arriva anche uno dei migliori in campo, Andrea Doninelli: “Conoscere i risultati delle altre non ci ha condizionato, ed abbiamo offerto una prestazione da capolista. Vogliamo conservare a lungo il primo posto, sappiamo che per farlo c’è bisogno di sudore e fatica ma non abbiamo paura del sacrificio. Abbiamo avuto un ottimo impatto sul match e abbiamo saputo gestire bene anche il gioco sbloccando il risultato senza innervosirci. È stato giusto andare a cercare anche il terzo goal cosa questa che in confronto alle altre uscite significa aver trovato maggiore convinzione. Questo ci ha permesso di non schiacciarci continuando a macinare gioco senza praticamente mai subire. C'è sempre in questa categoria bisogno di giocare di sacrificio , lo avevo detto anche prima, e io non ho paura di fare la doppia fase anche perché come avete visto Agyei è bravo a darmi una mano. Noi consapevoli della forza che abbiamo”.
Al termine della gara l’amarezza in casa Normanna è tanta e anche gli animi sono surriscaldati. Non basta dunque ai casertani il cambio d’allenatore per ritrovare equilibrio e punti come non basta ricevere il Benevento per riempire uno scarno Bisceglia. Questo Spezzaferri lo sa bene e tuona: “Non siamo come Benevento che conta 60.000 abitanti, apparteniamo a un territorio che ne conta 250.000 eppure oggi sembrava che giocassimo in trasferta. Abbiamo contato 350 biglietti venduti ai nostri tifosi contro i 500 dei sostenitori del Benevento. Fa male saperlo,e si vede che i nostri tifosi non vogliono starci vicini. La squadra ha bisogno del tifo, perché solo così si può riuscire a invertire la rotta. A dire il vero non ho nemmeno notato il divario tra le due formazioni e questo significa che ce l’abbiamo messa tutta”. Fa eco alle parole del presidente anche il neo tecnico dell’Aversa Marra: “ Nonostante la sconfitta sono contento, lo dico perché di più non potevamo fare. Purtroppo il mio debutto è stato da incubo perché davanti c’è apparsa una vera e propria corazzata e io inoltre miracoli non ne so fare. C’è da dire che contavamo anche infortuni e squalifiche abbastanza importanti (Catinali, Forino, Gattoni, Papa, Carbonaro). Come avrete potuto vedere ad un certo punto avevamo in campo ben 4 attaccanti eppure non siamo riusciti a scalfire per nulla la difesa del Benevento. Quello che posso dire è che non abbiamo sfigurato, abbiamo avuto un buon atteggiamento e una certa aggressività agonistica sintomi che  danno il peso di motivazioni giuste. Non ho cambiato modulo, rimanendo con i tre attaccanti davanti per non snaturare lavoro di Novelli. Di certo dovremmo lavorare e ripartire dal buon secondo tempo disputato”.

Mercoledì di Coppa e Vigor Lamezia

L’appuntamento ora per gli appassionati della strega è per mercoledì 29 ottobre ore 20.30 allo stadio Pinto. L’ incontro tra Casertana e Benevento è valevole per il secondo turno di Coppa Italia di Lega Pro. I biglietti per il settore ospiti sono già in vendita al prezzo di 5 €. Probabile che Brini opti per un largo turn-over dando spazio a diversi elementi della Berretti. La Coppa Italia Lega Pro è sicuramente un obiettivo secondario nella stagione dei giallorossi che vorranno prepararsi al meglio per il doppio turno casalingo contro Vigor Lamezia e Casertana.
Intanto il Benevento già pensa alla sfida di domenica prossima al 'Vigorito' contro il Vigor Lamezia. Dal gruppo degli infortunati potrebbe esserci una buona notizia per Brini che potrebbe contare sul pieno recupero di Vitiello. Una notizia importante visto che la mediana giallorossa è in piena emergenza e che Doninelli ed Agyei sono costretti agli straordinari. Sicuro il recupero di capitan Melara per la sfida contro i calabresi.

Michele Palmieri

commenti presenti 2 » LEGGI


Articolo di Calcio / Commenti