Made in Italy anche online, con .moda e .pizza per i nomi a dominio

19:1:0 5216 stampa questo articolo
Nuovi domini Internet, oltre 700 estensioniNuovi domini Internet, oltre 700 estensioni

Curare la propria presenza online oggigiorno è essenziale per qualsiasi tipo di attività.

Non solo aziende, ditte individuali e liberi professionisti, ma anche le associazioni non possono trascurare la loro presenza online, essenziale per essere trovati e contattati.

Il primo passo da fare è quello della scelta del dominio. Il proprio nome sulla Rete. Un sito di successo, sia esso aziendale oppure il blog personale, deve avere un nome chiaro, facile da ricordare e semplice da raggiungere. A questo nome deve poi seguire un'estensione.

Tutti conosciamo ormai le classiche estensioni .it, .com, .org e .eu, per citare i più comuni.

Se il nome scelto è “ilmiosito”, con l'estensione .it il nome del dominio diventerà www.ilmiosito.it.

Ma cosa accade quando, dopo aver deciso il nome per il nostro sito, verifichiamo che è già occupato da qualcuno, sia per l'estensione .it che .com? E anche dopo aver cercato .net, .org .info e .eu non troviamo alternative libere?

Non scoraggiamoci. Perché oggi abbiamo nuove possibilità. Infatti proprio per far fronte alla crescita dei siti e per dare la possibilità a tutti di poter avere il proprio dominio, sono state varate nuove estensioni.

Questa è un'occasione unica. Infatti, come molti ormai sanno, avere nel proprio dominio la parola chiave principale del proprio settore è fondamentale per il successo e per essere trovati su Google.

Il problema, per chi si affaccia ora sul world wide web, è che molto probabilmente le possibilità di trovare libero il nome scelto e una delle estensioni principali è molto remota.

Quello che non tutti sanno ancora, però, è che ora sono disponibili oltre 700 nuove estensioni di dominio, utili per coprire la gran parte delle esigenze e delle attività. Certo, molte non sono adatte per noi italiani, visto che sono nomi in inglese.
Ma tra le centinaia di estensioni non mancherà quella che fa per noi.

Se siamo una pizzeria perché non registrare il nostro nome con .pizza? Che dire poi dei bar che hanno il .bar? Per le caffetterie c'è .cafe e per chi si occupa di banchetti .catering.

Ed i negozi di abbigliamento? Per loro c'è .boutique!
Insomma, ad ognuno il suo. Le agenzie immobiliari possono ricorrere a .casa. Il .club si presta invece sia per i villagi turistici che per le associazioni.

Per l'informatica c'è .computer e per i consulenti .consulting. Per le attività creative si può ricorrere a .design e .fashion; le palestre hanno .fitness e c'è pure .dance. Insomma, ce n'è per tutti. Anche i privati possono avere il proprio sito, ricorrendo a .family o .name.

Dove registrare il dominio? Bisogna ricorrere ad un Registrant, ossia ad un'azienda autorizzata. Una sorta di agenzia che si occupa della gestione dei domini e che spesso offre anche altri servizi, come l'hosting per poter poi pubblicare le pagine del sito. In questo caso tali aziende vengono anche definite “service provider” o più semplicemente “provider”.

Per poter avere massima possibilità di scelta, è utile affidarsi ai provider più grandi. Tra i vari vi è 1and1, provider di servizi web, azienda multinazionale che oltre a proporre la registrazione dei domini in tantissime estensioni, presenta offerte vantaggiose anche per l'hosting. 



Articolo di Tecnologia & Internet / Commenti