Migranti: Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia davanti alla Corte di giustizia europea

Oggi Polonia, Repubblica Ceca ed Ungheria compariranno davanti alla Corte di Giustizia europea. L'Unione europea accusa i tre membri del gruppo di Visegrad di avere infranto la legge rifiutando di accettare la propria quota di migranti. Rifiuto che ha spinto la Commissione europea a chiedere una multa per i tre paesi. Al picco della crisi migratoria, nel 2015, più di un milione di persone aveva presentato richiesta di asilo politico in Europa. Bruxelles aveva risposto approvando un piano per la ripartizione dei migranti tra i 28 stati basato sulle quote . Un sistema su cui l'Europa si era subito divisa . Il premier ungherese Viktor Orban era stato tra i primi a criticare il piano dell'Unione europea, accusando senza mezzi termini Bruxelles di ricattare gli stati membri. "Finché sarò il primo ministro dell'Ungheria la recinzione lungo il confine meridionale del paese resterà in piedi - aveva detto Orban -. Finché Fidesz e i cristiano-democratici governeranno l'Ungheria, non cedereremo ai "ricatti" di Bruxelles e rifiuteremo di accettare le quote obbligatorie di migranti". Ad Orban si erano presto accodati i governi di Polonia e Repubblica Ceca, anche loro contrari al sistema delle quote. Il no al piano di Bruxelles è all'origine dell'azione legale della Commissione europea, che nel 2017 ha avviato una procedura di infrazione contro i tre paesi. Stando all'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati la maggior parte dei migranti arrivati tra il 2015 e il 2016 proveniva dal Medio Oriente. Di questi quasi la metà arrivava dalla Siria, paese devastato dalla guerra civile cominciata nel 2011.


15:51:39 1434 stampa questo articolo


  • VIDEO Le previsioni meteo di mercoledì 24 luglio 2019
  • Migranti, UE: accordo a 14 per un meccanismo di distribuzione
  • "Perfetti Sconosciuti" da Guinness, la commedia di Genovese è il film con più remake di sempre
  • Nuovi distintivi per la Polizia VIDEO
  • Ecofin: le raccomandazioni per l'Italia
  • Migranti in Italia: chiuso il Cara di Mineo
  • Le previsioni Meteo di oggi 8 luglio VIDEO
  • Intervista al Premio Strega Antonio Scurati: "Mussolini prototipo di ogni leader populista"
  • L'Africa lancia l'unione doganale: quali sfide per l'Europa?
  • Immigrazione. La solidarietà del Papa, i porti chiusi di Salvini
  • Meteo. Le previsioni per oggi 7 luglio VIDEO
  • Omaggio a Ugo Gregoretti. Documentario "Vientos del Pueblo-Gli Inti-Illimani nel Sannio e nel Matese"
  • Stromboli, situazione sotto controllo tra tanta paura e sollievo
  • Giornata mondiale del bacio, i 20 baci del cinema più cercati sul web
  • Scuola Viva. Il TG dell'IC di Ponte conclude il modulo di giornalismo digitale
  • Pietro Bartolo, medico di Lampedusa: "L'immigrazione è una ricchezza per l'Europa"
  • Il Premio Strega approda in Francia: i cinque finalisti incontrano i lettori europei
  • Napoli 2019 Summer Universiade sarà aperta da Andrea Bocelli VIDEO
  • Meteo. Le previsioni per il 27 giugno VIDEO
  • Procedura di infrazione, Thygesen: "L'Italia faccia più attenzione ai toni"
  • Napoli. Operazione anti-camorra "Cartagena": 126 arresti nell'Alleanza di Secondigliano
  • Torino. Spettacolare: 302 droni luminosi in volo per festeggiare il Santo Patrono
  • Blitz antindrangheta in Emilia Romagna contro la cosca Grande Aracri
  • Mondiali di Calcio femminili. Italia-Cina 2-0, azzurre volano ai quarti VIDEO