Migranti: Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia davanti alla Corte di giustizia europea

Oggi Polonia, Repubblica Ceca ed Ungheria compariranno davanti alla Corte di Giustizia europea. L'Unione europea accusa i tre membri del gruppo di Visegrad di avere infranto la legge rifiutando di accettare la propria quota di migranti. Rifiuto che ha spinto la Commissione europea a chiedere una multa per i tre paesi. Al picco della crisi migratoria, nel 2015, più di un milione di persone aveva presentato richiesta di asilo politico in Europa. Bruxelles aveva risposto approvando un piano per la ripartizione dei migranti tra i 28 stati basato sulle quote . Un sistema su cui l'Europa si era subito divisa . Il premier ungherese Viktor Orban era stato tra i primi a criticare il piano dell'Unione europea, accusando senza mezzi termini Bruxelles di ricattare gli stati membri. "Finché sarò il primo ministro dell'Ungheria la recinzione lungo il confine meridionale del paese resterà in piedi - aveva detto Orban -. Finché Fidesz e i cristiano-democratici governeranno l'Ungheria, non cedereremo ai "ricatti" di Bruxelles e rifiuteremo di accettare le quote obbligatorie di migranti". Ad Orban si erano presto accodati i governi di Polonia e Repubblica Ceca, anche loro contrari al sistema delle quote. Il no al piano di Bruxelles è all'origine dell'azione legale della Commissione europea, che nel 2017 ha avviato una procedura di infrazione contro i tre paesi. Stando all'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati la maggior parte dei migranti arrivati tra il 2015 e il 2016 proveniva dal Medio Oriente. Di questi quasi la metà arrivava dalla Siria, paese devastato dalla guerra civile cominciata nel 2011.


15:51:39 748 stampa questo articolo


  • Elezioni europee: aperti i seggi in 21 Stati membri VIDEO
  • Elezioni europee, ultimo atto VIDEO
  • Meteo. Le previsioni per lunedì 27 maggio 2019
  • Flash mob con Roberto Bolle invade il centro di Napoli
  • Migranti: Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia davanti alla Corte di giustizia europea
  • Elezioni Europee 2019. Dibattito dei candidati alla presidenza della Commissione LIVE ORE 21:00
  • Incontro Macron-Zuckerberg: nasce l'Autorità Garante dei Social Network
  • Ndrangheta, smantellato maxi traffico di hashish tra Spagna e Italia
  • Salerno, finge di fare foto con Salvini: "Non siamo più terroni di merda?" e per ordine del ministro le sequestrano il telefono
  • Napoli. Camorrista si fa raggiungere dalla moglie per far provviste per il rifugio: arrestato
  • Salvini a Modena, la rabbia dell'anziana: "Io ex sfollata di guerra, come si fa a respingere chi scappa dalla Libia?"
  • Lotta a fake news e odio: Facebook "banna" l'estrema destra
  • Italia, indietro tutta sui diritti delle donne. Il rapporto Censis fotografa la condizione femminile
  • Rapporti Italia Francia, Leonardo: l'accordo e la smentita
  • 25 aprile, 74esimo anniversario tra polemiche e divisioni
  • Messaggio di Pasqua 2019 dell'arcivescovo di Benevento mons. Felice Accrocca VIDEO
  • Meteo. Anticiclone subtropicale per il fine settimana di Pasqua
  • La battaglia del Prosecco. I produttori chiedono lo stop ai vigneti Docg dal primo agosto
  • La battaglia del Prosecco. I produttori chiedono lo stop ai vigneti Docg dal primo agosto
  • Nunzia De Girolamo a Ballando con le stelle in versione motociclista
  • Benevento. Previsioni meteo per il 27 marzo 2019 VIDEO
  • Momenti di trascurabile felicità
  • Aladin
  • "L'altro volto della musica" . Intervista a Filippo Zigante, direttore artistico della Stagione Concertistica 2018-20 dell'Accademia di S. Sofia