Morcone (Ambito B5): ‘Introdurre nuovi criteri l’assegnazione dei fondi degli ambiti Sociali Territoriali’

12:47:8 4451 stampa questo articolo

“E’ necessario introdurre nel Piano Sociale Regionale 2013-2015 nuovi criteri di riparto per l’assegnazione dei fondi agli Ambiti Sociali Territoriali”. A riguardo il Comune di Morcone, Ente Capofila del nuovo Ambito Territoriale B5, ha presentato in sede di audizione alla Regione Campania un documento proposta, condiviso in Coordinamento Istituzionale dal sindaco del Comune di Morcone, Costantino Fortunato con i sindaci dei Comuni aderenti e concertato con i sindacati Cgil, Cisl e Uil. Riguardo al Piano Sociale Regionale 2013-2015 il documento pone l’attenzione sulle percentuali di riparto rispetto al primo Piano Sociale Regionale 2010/2012 che dovrebbero essere modificate per non penalizzare ulteriormente i cittadini delle aree interne. In particolare, nel documento viene proposto alla Regione di stabilire dei criteri di assegnazione delle risorse economiche del Fondo Sociale Regionale tenendo conto delle differenze e delle peculiarità dei territori e introducendo altresì il criterio del numero dei Comuni, poiché anche un raggruppamento elevato di Comuni incide sui costi di gestione e soprattutto sui costi per l’erogazione dei servizi. Con il documento si richiede che per la ripartizione delle risorse agli Ambiti Sociali Territoriali vengano utilizzati nuovi criteri e percentuali: 60% popolazione residente, 20% estensione territoriale e 20% numero dei Comuni dell’Ambito Territoriale. Il nuovo Ambito Territoriale B5 è composto dai Comuni di Morcone Ente Capofila, Baselice, Campolattaro, Casalduni, Castelfranco in Miscano, Castelpagano, Castelvetere in Valfortore, Circello, Colle Sannita, Fragneto L’Abate, Fragneto Monforte, Foiano di Val Fortore, Ginestra degli Schiavoni, Molinara, Montefalcone di Val Fortore, Pontelandolfo, Reino, San Giorgio La Molara, San Bartolomeo in Galdo, San Marco dei Cavoti, Santa Croce del Sannio e Sassinoro.



Articolo di / Commenti