Notte sul tetto dell'ospedale di Cerreto Sannita: 'Non deve chiudere!'. Pioggia e freddo non hanno fermato la protesta

14:49:28 8028 stampa questo articolo

Continuerà anche stanotte e domani mattina il presidio organizzato dal Comitato per la difesa dell'ospedale di Cerreto Sannita, in atto sul tetto del nosocomoio dalle 14 di oggi. Il Consiglio Comunale si è chiuso da poco con un documento unitario della maggioranza e dell'opposizione stilato dopo una discussione tenutasi anche con molti interventi di cittadini in una sala gremita. E' stato dato mandato al sindaco e agli amministratori di fare il possibile per evitare la chiusura dell'ospedale. Di seguito, il testo della diretta che il Quaderno.it ha svolto fin dai primi minuti della pacifica protesta, ascoltando i protagonisti e divulgando in tempo reale le loro opinioni, anche grazie alla collaborazione del corrispondente della Valle Telesina.

Aggiornamento 21.38
Si è chiuso il Consiglio Comunale di Cerreto con l'approvazione del documento proposto dalla maggioranza di "Insieme per Cerreto", condiviso dalla minoranza "Da sempre... per Cerreto", con l'intervento finale del sindaco Santagata che ha promesso "lotta dura contro chiunque voglia chiudere l'Ospedale Maria delle Grazie".

Aggiornamento ore 20.36
Si sta per stilare un documento congiunto dell'Amministrazione di Cerreto Sannita insieme agli altri sindaci per dare mandato al sindaco ed alla Giunta di Cerreto, di assumere tutte le opportune iniziative in sede politica ed in sede giudiziaria per scongiurare la chiusura della struttura ospedaliera e di sostenere le posizioni del Comitato Civico. Inoltre nel documento si dà mandato al sindaco Santagata di provvedere a convocare i Consigli Comunali dei Comuni vicini in seduta straordinaria ed unitaria alla presenza del Prefetto.
Dalla discussione sarebbero emersi elementi penalmente rilevanti riguardo all'apertura dell'Ospedale di Sant'Agata de' Goti che saranno denunciati all'autorità competente.

Aggiornamento ore 20.28
Stanno intervenendo, nel corso del Consiglio Comunale, i consiglieri provinciali Lucio Rubano, Remo Del Vecchio e l'assessore Carlo Falato, inoltre stanno intervenendo cittadini cerretesi e della Valle Telesina, in una sala sempre più gremita.

Aggiornamento ore 20.05
Ha parlato in Consiglio Comunale Roberto Stanziano, capogruppo dell'opposizione consiliare di Cerreto Sannita ed ha sostenuto che “oggi non è il tempo delle polemiche, ma della lotta e si farà dando mandato al sindaco Santagata di mettere in atto ogni strategia contro la chiusura dell'Ospedale, senza distinguo e senza divisioni”.
Si stanno susseguendo gli interventi dei sindaci di Faicchio, Cusano Mutri, San Lorenzo Maggiore, San Lupo e Paupisi.

Aggiornamento ore 19.38
Durante il Consiglio Comunale, in corso a Cerreto Sannita, il sindaco Pasquale Santagata ha detto di “appoggiare e sostenere la lotta dei Comitati contro la chiusura dell'Ospedale” e ha chiesto l'appoggio della “comunità e dei sindaci dei comuni viciniori nella lotta per mantenere in vita la struttura ospedaliera, sotto ogni forma senza violare la legalità”.
Domani, intanto, è convocato a Benevento un incontro all'ASL. La nota è pervenuta in questi minuti al Comune di Cerreto, a firma del commissario straordinario La Catena. In questi minuti, sta intervenendo il capogruppo di maggioranza, Antonio Barbieri che ribadisce “l'appoggio alle azioni del sindaco Santagata nella lotta” e sostiene la necessità di “intraprendere azioni legali contro l'ASL che non può chiudere la struttura di Cerreto Sannita per mancanza di applicazione delle leggi e contro gli esecutori della realizzazione dell'Ospedale di Sant'Agata de' Goti, a tutela della salute di tutti”.

Aggiornamento ore 19.20
"Ora siamo rimasti in sei, più tardi ci raggiungeranno i membri del Comitato che sono al Consiglio Comunale. Vogliamo restare qui, se necessario anche per tutta la notte". Sono le parole di Annamaria Manca, una delle persone che da questo pomeriggio si trovano sulla terrazza dell'ospedale di Cerreto Sannita, per protestare contro la paventata chiusura dello stesso. "Non vogliamo dare fastidio ad alcuno stando qui. Vogliamo, però, far sentire il nostro dissenso. Questo è un ospedale indispensabile: siamo i portavoce di chi non ha voce".

Aggiornamento ore 18.50
E' in corso a Palazzo del Genio a Cerreto Sannita, in una sala gremita di 500 persone, un Consiglio Comunale aperto e straordinario per scongiurare la chiusura del nosocomio.

Aggiornamento ore 17.20
“Faremo fronte comune con la maggioranza per questa protesta, lottiamo per questo da due anni”. E’ quanto ha dichiarato al Quaderno.it Roberto Stanziano, capogruppo consiliare del gruppo di minoranza ‘Da sempre per Cerreto’. “Non è il momento di trovare responsabilità – ha aggiunto - per prese di posizione che non ci sono state in passato”.
Sul tetto erano saliti anche gli assessori comunali Ciro Melotta e Umberto Di Meola, i consiglieri di maggioranza Pierpaolo Parente e Vincenzo Di Lauro, il consigliere di opposizione Rocco Corvaglia. Da qualche minuto sono scesi dal terrazzo gli amministratori comunali. Sono rimasti sul tetto solo i membri del Comitato presieduto da Giuseppina Iannotti. Molta gente si è radunata sul pianerottolo del quarto piano. Presenti sul posto Vigili del Fuoco, Vigili Urbani e carabinieri. Situazione tranquilla, dal punto di vista dell’ordine pubblico.

Aggiornamento ore 16.18
Il presidio sul tetto proseguirà a oltranza fino a che i rappresentanti istituzionali e della società cerretese non saranno ascoltati dai dirigenti sanitari regionali e le loro ragioni rispettate. Intanto è stata confermata la riunione del Consiglio Comunale aperto, alle ore 18, presso Palazzo Del Genio. Per dimostrare che la mobilitazione non è solo del Comitato o degli amministratori civici, ma dell'intera comunità.

Aggiornamento ore 16.10
Pasquale Santagata si dice indignato per il fatto che la famigerata legge regionale numero 16 venga applicata nella sua estrema severità solo per la chiusura dell'ospedale di Cerreto Sannita. "Non è possibile! Non è giusto! E' una terribile violenza al territorio e alla comunità. Questo ospedale va bene, funziona. Ha indici di produttività e di occupazione ben superiori a tanti di Napoli". Alla richiesta del Quaderno su cosa manifestanti e amministrazione civica propongono, oltre alla protesta, il sindaco ha così risposto: "Avevamo aperto un tavolo con l'assessore Mario Santangelo per la riqualificazione di Cerreto contemporaneamente all'apertura e al passaggio di funzioni a Sant'Agata dei Goti. Senza darci spiegazioni è stata immotivatamente interrotto. Qui la questione è seria. Questo ospedale ha salvato tante vite umane quando funzionava il Pronto Soccorso. Il Primo Soccorso, diverso dal pronto Soccorso, che ci hanno proposto, non può passare. Da Cerreto a Sant'Agata occorrono 30 minuti. Da Cusano Mutri quasi cinquanta". Intanto, altre persone sono salite sul tetto: sono più di 20, attualmente.

Aggiornamento ore 16.02
Il Quaderno è al telefono col sindaco di Cerreto, Pasquale Santagata, a breve i particolari della sua ferma opposizione alla chiusura, definita come atto di ingiustizia dei forti verso i deboli.

Aggiornamento ore 15.42
I manifestanti sono stati raggiunti anche dal corrispondente telesino del Quaderno.

Aggiornamento delle 15.38
Sul tetto, in segno di solidarietà sono saliti anche il sindaco cerretese Pasquale Santagata e altri amministratori comunali.


Aggiornamento ore 15.30

Il Quaderno.it ha appena parlato, telefonicamente, con una delle quattro persone, Annamaria Manca, che si trovano sul tetto dell'ospedale di Cerreto. la stessa ha chiarito con dignità e forza le ragioni del gesto: "Facciamo parte del Comitato civico contro la chiusura del nosocomio. Questo è l'atto estremo della nostra protesta, portata, sinora, avanti con estrema civiltà, almeno da parte nostra. Ieri doveva esser presente qui, a Cerreto, per discorrere della gravosa situazione, Tiziana Spinosa, direttore sanitario dell'Asl di Benevento. Noi come comitato volevamo semplicemente consegnarle 4 fogli dattiloscritti. Non è stato possibile. La riunione è stata  spostata.

Sono stati convocati i dirigenti a Benevento. Abbiamo saputo che probabilmente per il 20 febbraio sarà disposto il blocco dei ricoveri, propedeutico alla morte del nostro ospedale. Dicono che mancano le risorse economiche ma allora il denaro speso per il nuovo ospedale di Sant' Agata dei Goti? Dove partoriranno le donne di Cerreto, quelle di Cusano Mutri? Dove saranno assistiti gli agricoltori di Guardia Sanframondi? Rimarremo qui, fino a che non ci daranno risposte e diritti".

Ore 14.49
A Cerreto Sannita, alle 14, quattro persone sono salite sul terrazzo dell'ospedale, minacciando di lasciarsi cadere nel vuoto, nel caso in cui dovesse essere confermata l'imminente chiusura del nosocomio locale. Le forze dell'ordine e i vigili del fuoco sono già sul posto per scongiurare il pericolo. I dipendenti sono rimasti in servizio, mentre di sotto, nonostante la pioggia, s'è radunata una folla.








Articolo di / Commenti