Ong Proactiva denuncia aggressione della Guardia Costiera libica

L’Ong Proactiva Open Arms subisce nuove intimidazioni da parte della Guardia Costiera libica.

Durante un’esercitazione per le operazioni di soccorso nel Mediterraneo, i volontari a bordo della nave Golfo Azzurro denunciano d’essere stati vittima di un vero e proprio tentativo di sequestro da parte di una motovedetta libica. La Guardia Costiera ha intimato d’essere seguita fino a Tripoli, entrando dunque nelle acque territoriali libiche, sotto la minaccia di aprire il fuoco. I volontari di Proactiva sono riusciti ad allontanarsi incolumi dopo quasi due ore di trattativa. L’Ong ha dichiarato che continuerà l’attività di soccorso nonostante le minacce. “La nostra barca, Golfo Azzurro, stava effettuando delle esercitazioni di soccorso a 27 miglia nautiche dalla costa libica dunque in acque internazionali, nemmeno nelle acque territoriali” ha spiegato Laura Lanuza ad euronews “quando abbiamo visto una motovedetta libica avvicinarsi molto rapidamente. Da quel momento sono cominciate le minacce via radio. Ci chiedevano se avevamo un’autorizzazione da parte della Libia, abbiamo risposto che ci trovavamo in acque internazionali. E hanno tentato di obbligarci a seguirli, di obbedire ai loro ordini e seguirli a Tripoli. E che se non seguivamo gli ordini ci avrebbero sparato. Dopo un’ora e 40 minuti ci hanno detto di dirigerci a Nord e di non farci più vedere altrimenti ci avrebbero sparato”. I volontari di Open Arms hanno inoltre raccontato d’essere stati testimoni di un episodio significativo: nella stessa zona si trovava l’imbarcazione C-Star, utilizzata dal gruppo dell’estrema destra identitaria Defend Europe allo scopo di contrastare le operazioni di soccorso delle Ong. La barca è passata senza problemi a poca distanza dalla motovedetta libica. Pochi giorni fa la C-Star si era trovata in panne in prossimità del confine tra le acque della Tunisia e della Libia e aveva inviato una richiesta di aiuto. La nave più vicina era quella della Ong Sea Eye che si era avvicinata. Ma la C-Star aveva rifiutato di essere soccorsa da una delle Ong contro cui intende operare. Amenazados con abrir fuego si no ponemos rumbo a sus aguas territoriales, es un secuestro en toda regla. pic.twitter.com/QqVUqwlzrX— Oscar Camps (@campsoscar) 15 agosto 2017


10:22:31 1915 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa