Ospedale Sant'Alfonso, Ianaro(M5S): "Depositata interrogazione su allarme anestesisti"

18:0:59 858 stampa questo articolo
Angela IanaroAngela Ianaro

La Ianaro sarà presente domani mattina al gazebo del Movimento in programma a Sant'Agata. 

“Si direbbe che non c’è pace per il Presidio Sant’Alfonso Maria de’Liguori. Dopo l’allarme per il Pronto Soccorso ed il rischio di chiusura, ne arriva ora un altro, quello della mancanza di medici anestesisti. Appena ho appreso la notizia rilanciata da fonti locali sul web, ho disposto subito una interrogazione a risposta scritta al Ministro della Salute ed al Presidente del Consiglio, affinché si intervenga prontamente per scongiurare questa nuova emergenza”.

A dirlo è Angela Ianaro deputata del MoVimento 5 Stelle alla Camera, che, domani mattina (domenica 2 dicembre), sarà proprio a Sant’Agata dei Goti, insieme alla delegazione parlamentare sannita, per un gazebo promosso sull’ospedale da parte del Meetup locale. Nell’occasione, in viale Vittorio Emanuele III nello spazio antistante la scuola elementare, informerà i cittadini sulle iniziative ad oggi intraprese, i Tavoli, le riunioni al Ministero, ed i pareri legislativi raccolti sul piano regionale ospedaliero “affinché la sanità locale - precisa Ianaro - possa essere adeguata alle esigenze reali della comunità”.

“Ancora una volta torno ad occuparmi del Presidio sul territorio affinché ai santagatesi siano garantiti i livelli essenziali di assistenza (LEA) messi a rischio, a quanto leggo, a partire da oggi, da un numero assolutamente insufficiente di medici anestesisti, figure indispensabili per gli interventi chirurgici programmati o della chirurgia d’urgenza, dunque, di fondamentale importanza per la tutela della salute pubblica. A fronte delle cinque unità operanti si arriverebbe a soli tre medici anestesisti e direi, che non se la passano meglio all’Ospedale Rummo di Benevento al quale la struttura medica finirebbe inevitabilmente per appoggiarsi” conclude la deputata M5S della Commissione Politiche dell’Unione europea.



Articolo di Partiti e associazioni / Commenti