Parcheggi rosa: soddisfazione del comitato di coordinamento della Consulta delle Donne

10:46:8 2888 stampa questo articolo
Parcheggi Rosa (foto il nuovolevante.it)Parcheggi Rosa (foto il nuovolevante.it)

Il comitato di coordinamento della Consulta delle Donne ringrazia il sindaco, la giunta e il consiglio comunale tutto per l'approvazione del regolamento dei parcheggi rosa avvenuto all'unanimità.

Il comitato esprime il proprio ringraziamento a tutti coloro che a vario titolo hanno lavorato e collaborato durante il lungo iter burocratico di elaborazione del regolamento che ha richiesto un intenso lavoro di studio e sensibilizzazione realizzato dalla consigliera Delegata alle Pari Opportunità Patrizia Callaro e dalla Consulta delle donne per proseguire poi con una prima audizione in Commissione Mobilità di Patrizia Callaro, della Presidente della Consulta delle donne Sara Furno e della Componente Angela De Nisco il 29 gennaio 2019.

La Consulta ricorda poi il lavoro svolto insieme alla consigliera Callaro, con l'attività di approfondimento e studio per la verifica delle modalità di attuazione della delibera di indirizzo, già assunta dalla giunta nel gennaio 2017, e quindi per la redazione del testo e la sensibilizzazione di tutte le parti coinvolte, concluso con il passaggio in Commissione affari istituzionali.

"I parcheggi rosa - spiega in una nota il comitato - sono un segno di civiltà e sensibilità, già attuati in molte città italiane in attesa che vengano inseriti nel Nuovo Codice della Strada, al momento fermo in discussione in Parlamento. Siamo certe che nonostante le difficoltà economiche del Comune gli stalli rosa verranno realizzati nel più breve tempo possibile, al fine di realizzare una città più vivibile ed a misura di bambino" ha dichiarato la Presidente della Consulta delle donne Sara Furno, "con tutte le componenti della Consulta e con la Consigliera alle Pari opportunità Patrizia Callaro continueremo a lavorare e a proporre all' Amministrazione comunale iniziative per creare le condizioni nelle quali il diritto alla parità di genere nella vita locale sia più facilmente attuabile".



Articolo di Attualità / Commenti