Puglianello, approvato all’unanimità riduzione della Tari

12:24:36 1072 stampa questo articolo
Francesco Maria Rubano, foto tratta dal profilo fbFrancesco Maria Rubano, foto tratta dal profilo fb

Il Consiglio comunale di Puglianello ha approvato all’unanimità una riduzione della Tari nei termini medi del 13,41% per le utenze domestiche e del 3,10% per le utenze non domestiche.

"Non possiamo che essere soddisfatti di questo risultato - spiega il sindaco Francesco Maria Rubano - che ci consente di premiare i buoni comportamenti dei cittadini, ai quali va il merito di seguire con correttezza e costanza le modalità di conferimento dei rifiuti. Da una buona amministrazione nasce una comunità virtuosa che rispetta le regole e ne trae giovamento. A questo va aggiunto il miglioramento del servizio di raccolta, con la percentuale di differenziata che ha raggiunto il 70,3, l’aumento e l’ottimizzazione dei passaggi di recupero e della spazzatura sulle strade. I benefici si sono diluiti nel tempo. Con buona pace di chi ci ha criticato, paventando aumenti inesistenti e utilizzando strumentalmente i dati. O addirittura tirando fuori sciocchezze o storie totalmente inventate sul presunto indebitamento del Comune. Oggi siamo tra i Comuni del Sannio che hanno deliberato il maggior abbassamento delle tariffe. Bisogna considerare anche l’obiettivo della salvaguardia ambientale: più si ricicla, meno si brucia o si manda in discarica, a tutto vantaggio della salute pubblica e del turismo".

A beneficiare del provvedimento di riduzione della Tari saranno non solo tutte le utenze domestiche di Puglianello ma anche gli esercizi commerciali, i laboratori artigianali ed altri esercizi. In un periodo così difficile per il commercio e le piccole attività produttive, ma ovviamente anche per le famiglie, si tratta di un’ottima notizia che - darà un po’ di ossigeno a chi è già oberato da tasse del governo e imposte comunali.

“Questa iniziativa - prosegue Rubano - rientra in una politica di attenzione che l’amministrazione ha portato avanti in questi anni. Il provvedimento adottato rafforza le politiche a favore delle famiglie, riduce il peso fiscale sulle attività economiche, commerciali e dell’artigianato. Queste azioni sono state possibili grazie ad un’attenta gestione del bilancio comunale e a un continuo impegno teso a migliorare le prestazioni nel campo della raccolta dei rifiuti e dei servizi forniti ai nostri concittadini». Abbassata anche l’aliquota Imu dal 7,6 per mille del 2018 al 7 per mille, mentre resta uguale allo scorso anno (0,4%) l’addizionale Irpef.



Articolo di Dai Comuni / Commenti