il quaderno benevento
[http://tinyurl.com/mmshstt]
17/4/2017 :: 16:59:15

Quarta sconfitta in sei gare, il Benevento cade a Brescia. Si allontana il terzo posto

Stadio Rigamonti, Brescia
Stadio Rigamonti, Brescia

Il Brescia fa l’impresa, e dopo otto gare, con un autogoal di Lucioni guadagna tre punti fondamentali per la corsa salvezza. 





Crango

  Benevento Calcio Serie B
Venuti             Camporese   Lucioni                      Pezzi

 Del Pinto      Viola 
Melara                Falco        Lopez  

  Ceravolo
 

Caracciolo
Ferrante 
Coly


Untersee

Crociata  Martinelli Bisoli  
  Blanchard Romagna  Calabresi  
    Minelli
Brescia - calcio serie B

Niente da fare, il Benevento si inceppa ancora ed incappa nella seconda sconfitta consecutiva la quarta in sei gare. Il Brescia si prende l’intera posta in palio grazie ad un’autorete e può ancora sperare. Il Benevento nonostante la voglia ed il predominio non riesce mai ad essere pericoloso. Una sfida delicatissima, quella del Rigamonti, anche per i sanniti che devono difendere un posto nei play off dagli assalti di Perugia, Cittadella e Bari e mettere definitivamente alle spalle il periodo nero che ha costellato questa seconda parte di stagione.

Le scelte

Diverse le novità di formazione per Baroni che spedisce subito tra i pali il rientrante Cragno, Gori va in tribuna, con Lopez avanzato come esterno e preferito a Cissè e Pezzi dal primo minuto a presidiare la corsia. Baroni deve anche rinunciare a Ciciretti, squalificato, e Gyamfi. Rientrano invece Falco, Puscas e Padella. Dunque, il tecnico toscano opta per il 4-2-3-1 con il pacchetto arretrato composto da Venuti, Camporese, Lucioni e Pezzi. Viola e Del Pinto in mediana con Falco, Melara e Lopez dietro l’unica punta Ceravolo.

Cagni che deve fare a meno non solo di Bonazzoli ma anche di Somma e Dall’Oglio, anche l’airone Caracciolo non è al top della condizione mentre Torregrossa presenta qualche acciacco. Detto questo il trainer delle rondinelle decide di schierare oltre a Minelli tra i pali, Calabresi, Romagna e Blanchard in difesa. Untersee, Bisoli, Martinelli, Coly e Crociata a centrocampo con Ferrante a supporto di Caracciolo.

La gara


Parte pigiando subito il piede sull’acceleratore il Benevento che nei primi 4’ di gara arriva, con Falco che sulla seconda conclusione sfrutta un errore di Blanchard, per ben due volte al tiro e nella prima circostanza la conclusione del fantasista giallorosso fa scorrere diversi brividi sulla schiena di Minelli. All’8’ ecco il vantaggio della formazione di Cagni. Lopez va a chiudere su Caracciolo che la tocca per ultimo ma per il direttore di gara è calcio d’angolo. Il pallone, scaraventato in area dalla bandiera trova la sfortunata autorete di capitan Lucioni.

Il Benevento dopo lo svantaggio non riesce a creare azioni pericolose, buon giro palla ma spazi chiusi. Così anche il Brescia che però sembra più pimpante rispetto agli ospiti. Al 29’ ad rendersi pericoloso è il Brescia con Caracciolo che ci prova di testa, su uscita non perfetta di Cragno, ma la palla sorvola non di molto la traversa. Alla mezz’ora i sanniti hanno la possibilità, in contropiede, di pareggiare i conti. Fuga di Ceravolo che brucia Romagna e serve al centro per Melara che controlla e tira ma centralmente e Minelli blocca.

La gara si accende. Il Brescia ci prova al 32’ su calcio piazzato con Martinelli ma la retroguardia libera. Gli uomini di Cagni rimangono in pressione e al 34’ Caracciolo con un destro al volo, praticamente da fermo, calcia verso la porta giallorossa e colpisce in pieno la traversa. Al 37’ ci prova ancora il Brescia con Crociata ma la conclusione è timida e Cragno blocca in maniera sicura. Al 39’ il Benevento si affaccia nuovamente in avanti e sul cross di Venuti, Ceravolo prova ad avvitarsi ma la conclusione è debole.

A gestire ora è il Benevento che un minuto dopo, al 40’, prova nuovamente ad essere pericoloso. Cross di Melara e colpo di testa di Venuti che non trova la porta. Lo stesso copione si ripete al 43’: cross di Melara e Venuti svetta di testa ma Minelli è bravo ad opporsi.

Proprio sul finire di frazione Cagni però deve rinunciare a Crociata al suo posto entra Lancini e rondinelle che di fatto passano al 4-4-2. La ripresa comincia con un cambio anche in casa Benevento, Baroni decide di tirar fuori dalla contesa Pezzi ed inserire Cissè provando così ad avere maggiore fisicità in attacco. La prima vera azione del secondo tempo però avviene al minuto 55’ quando sugli sviluppi di un corner Caraccio libera l’area, Viola la controlla e scambia con Falco che scarica con Melara palla di ritorno e botta dal limite ma palla alta sulla traversa.

La risposta dei padroni di casa arriva al minuto 59’ quando Untersee ci prova dalla distanza ma Cragno blocca senza problemi. Il Benevento nonostante tutto trova delle difficoltà in fase di costruzione con Ceravolo apparso troppo spesso isolato in avanti. Al 69’ la progressione di Cissè viene ben fermata da Romagna con il Benevento che conquista solo un corner. Sugli sviluppi del calcio d’angolo ci prova Ceravolo di testa ma Minelli blocca. Il Benevento alza allora il baricentro alla ricerca del pareggio anche se il Brescia si difende con ordine. Al 76’ altra ghiotta occasione per il Benevento con Falco che mette al centro da calcio piazzato, sbuca Camporese che prova a di testa Minelli blocca. Nel finale Cagni si copre cercando l’impresa fuori Ferrante dentro Prce e difesa a 5.

Nonostante la sconfitta, a nulla è valso il forcing conclusivo dei sanniti con Lucioni che in pratica ha chiuso la gara facendo l’attaccante aggiunto, il Benevento conserva il 4 posto al pari del Cittadella – sconfitto dal Verona – mantenendo un punto di distacco dal Perugia che ha pareggiato con l’Ascoli. Si allontana invece il 3 posto, il Verona sale a quota 62 e agguanta il Frosinone – 62 i punti dei ciociari – fermato in casa dal Novara. Scappa invece la Spal capolista a quota 67 punti, occhio allo Spezia che in caso di vittoria potrebbe raggiungere il duo Benevento e Cittadella. I sanniti ora venerdì 21 aprile alle 21.00 al Vigorito affronta il Vicenza.

Tabellino

Brescia Calcio (4-3-1-2)
: Minelli; Calabresi, Romagna, Blanchard; Untersee, Bisoli, Martinelli, Coly; Crociata(44’ Lancini); Caracciolo, Ferrante(81’ Prce). A disposizione: Arcari, Pinzi, Camara, Ndoj, Mauri, Vassallo, Modic. Allenatore: Cagni.

Benevento Calcio (3-4-3): Cragno; Pezzi, Camporese, Lucioni, Venuti; Viola, Del Pinto(70’ Buzzegoli), Lopez; Melara(75’ Puscas), Ceravolo, Falco. A disposizione: Alastra, Chibsah, Padella, De Falco, Eramo, Matera. Allenatore: Baroni.

Arbitro: sig. Aleandro di Paolo di Avezzano.
Assistenti: sig. Pietro Dei Giudici di Latina e sig. Alfonso D’Apice di Parma.
IV Uomo: sig. Davide Miele di Torino.

Marcatori: 8’ autorete Lucioni
Ammoniti: 30’ Del Pinto(BN), 44’ Caracciolo(BR), 59’ Coly(BR), 74’ Blanchard(BR), 85’ Minelli(BR)
Angoli: 5 a 4 per il Brescia
Fuorigioco: 3 a 2 per il Brescia
Recupero: 3’pt, 3’st.

Michele Palmieri

VIDEO Highlights Serie B. Brescia 1-0 Benevento, Giornata 36 Serie B



:: Questo articolo è stato stampato dal quotidiano online ilQuaderno.it ed è disponibile al seguente indirizzo:
http://www.ilquaderno.it/quarta-sconfitta-sei-gare-benevento-cade-brescia-si-allontana-terzo-posto-119517.html (url breve http://tinyurl.com/mmshstt)