Procedura di infrazione, Thygesen: "L'Italia faccia più attenzione ai toni"

Bruxelles prende tempo: la Commissione ha deciso di rimandare alla settimana prossima la valutazione circa l'apertura della procedura di infrazione nei confronti dell'Italia , anche per aspettare il consiglio dei ministri di mercoledi.

Intanto, peró, dal Comitato consultivo europeo per le finanze pubbliche arriva un report che sembra ripetere un mantra ormai noto: i paesi con alto debito devono lavorare per rientrare nei parametri del fiscal compact. Tuttavia, come ricorda il presidente Niel Thygesen, quei paesi che invece generano surplus dovrebbero mettere in atto maggiori investimenti.

"Se si parla di stabilizzazione - ha detto Thygesen ai microfoni di Euronews - paesi come Germania e Olanda, che hanno dei margini di manovra fiscale, dovrebbero intraprendere politiche espansive. Le nostre raccomandazioni incoraggiano quei paesi a seguire questa direzione".

Il debito italiano rimane la prima preoccupazione per l'esecutivo europeo. Tuttavia a fare la differenza nelle trattative potrebbero essere i toni. Thygesen sostiene che la decisione di optare o meno per una procedura di infrazione potrebbe dipendere in gran parte da valutazioni politiche. "La Commissione europea ha sempre affermato di essere un esecutivo a carattere politico, che deve rispondere davanti al Parlamento europeo e che deve essere in grado di difendere le sue scelte" sottolinea il presidente. "D'altra parte ha davanti a sè un paese che afferma che le regole europee non funzionano e che non sono accettabili. E' difficle non reagire a simili dichiarazioni ed è quello che la Commissione sente che deve fare in questo momento".

Occhi puntati dunque su Strasburgo, dove il 2 luglio la Commissione europea potrebbe decidere se formalizzare l'apertura della procedura oppure, anche stavolta graziare il Belpaese.


18:55:9 5499 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa