Il cluster delle imprese: perche' l'unione fa la forza

Business Planet questa settimana vi porta in Lapponia. Una delle sfide che affrontano gli imprenditori - in Finlandia e altrove - è di migliorare la propria credibilità e creare fiducia. E uno strumento che funziona molto bene qui è il cluster.

Come quello diretto da Kari Poikela , che lo descrive così: "Il nostro cluster è una rete di 100 imprese, per la maggior parte pmi. Le grandi imprese provengono dai settori delle biotecnologie, della metallurgia e da quello minerario. Il nostro obiettivo è migliorare la competitività, la collaborazione, l'innovazione e mettere in luce il potenziale dell'economia circolare in Lapponia".

Abbiamo incontrato uno di questi imprenditori, Mika Alasuutari, consigliere delegato di Palsatech , una pmi che fornisce servizi alle compagnie minerarie. Il cluster lo assiste, come ha fatto ad esempio per trovare un sito di stoccaggio e analisi dei campioni prelevati, ma lo fa anche nella messa in pratica della sua strategia. Strategia che l'ha portato a collaborare con altre piccole e medie imprese della regione per poter innovare. "I nostri servizi vanno dal momento dell'esplorazione a quello in cui la miniera inizia a funzionare. Offriamo l'intera gamma di servizi e questo tipo di pacchetto è unico in Europa ", si vanta Mika. A ragione. Perché a quattro anni dal lancio, Mika lavora con tutte le compagnie minerarie che operano in Finlandia. Un'esperienza che gli ha permesso anche di specializzarsi negli interventi nelle zone naturali protette.

Fra i suoi progetti: riciclare i rifiuti minerari per esempio nel settore delle costruzioni. L'idea è anche di replicare il modello su altri mercati. "Abbiamo condotto molte ricerche di mercato sulle necessità locali per quanto riguarda i nostri servizi nei paesi nordici, in Europa e fino in India - spiega -. Con la nostra rete di partner puntiamo a esportare le nostre competenze e i nostri servizi sui mercati globali" Ma l'elemento interessante nel cluster di Kari è che ha davvero un grosso potenziale. "Sì - conferma lui -. Abbiamo identificato 16 diversi potenziali d'investimento nell'economia circolare per un valore di 500 milioni di euro, che potrebbero creare 400 posti di lavoro nella regione". Ma se sono un imprenditore non finlandese, posso lo stesso collegarmi a questo cluster? "Certamente - è la risposta -. Siamo sempre pronti a condividere esperienze e imparare nuove cose. Allora contattateci!"

I cluster in Europa I cluster sono gruppi di imprese specializzate - spesso pmi - e altri attori che collaborano insieme in una particolare località. Lavorando insieme, le compagnie possono essere più innovative, creare più posti di lavoro e registrare più marchi internazionali e patenti di quanto potrebbero farlo da sole. L'Osservatorio europeo dei cluster è uno sportello unico per le informazioni sui cluster nell'Ue. Promuove i cluster, sostiene lo sviluppo delle industrie emergenti, rende più facile per le pmi unire i cluster e aiuta le imprese a espandersi all'estero.

Nel 2014 sono state selezionate sei regioni europee, modelli di modi nuovi o migliori di progettare e mettere in pratica le moderne politiche sui cluster. Queste regioni hanno ottenuto il supporto dell'Osservatorio. Una di queste regioni è la Lapponia, in Finlandia. La Lapponia ha sistematicamente sviluppato le sue politiche sui cluster e si basa sulla cooperazione intersettoriale, sull'efficienza delle risorse, sulla sostenibilità e sulle sue vaste risorse naturali. Oggi il Cluster dell'industria artica e dell'economia circolare collega aziende dell'industria mineraria, pmi al servizio dell'industria, università, istituti di ricerca, finanziamenti e autorità regionali. È un forte motore dell'economia circolare nella regione e cerca modi nuovi, innovativi e sostenibili per modernizzare i suoi processi. Link Economia circolare in Europa I cluster nell'Ue Osservatorio europeo dei cluster


17:36:13 6439 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa