Informazione e Social Network, le fake news nel mirino della Commissione europea

Nessuno sa darne una definizione precisa ma la loro proliferazione inquieta politici ed esperti. Per contrastare le c.d. "fake news" la Commissione europea lunedì ha istituito un panel di 39 specialisti in notizie false e disinformazione online.

A partecipare al gruppo di lavoro ci saranno anche i big come Facebook, twitter e Google. "La questione della responsabilità e del ruolo delle piattaforme online e dei social network è tra le nostre priorità - spiega Mariya Gabriel, Commissaria europea per l'economia e le società digitali -. Vorrei che questi esperti ci dicano di quale responsabilità si tratta. Quali strumenti abbiamo e quindi darci consigli, orientamenti a livello europeo, su cosa possiamo fare".

Se il tema delle bufale è diventato rilevante durante la campagna sul referendum per la Brexit, ha avuto invece un ruolo centrale nella corsa dell'allora candidato alla presidenza americana Donald Trump, che ha intrapreso una vera e propria crociata contro quelle notizie sul suo conto, a suo dire, false. "Il problema con i grandi social network - spiega un esperto dello European centre for press and media freedom- è che ovviamente il loro principale interesse è mettere insieme informazioni, ottenere più clic possibili e raccogliere i profili degli utenti. Quindi non possono essere davvero interessati a ridurre il il volume del traffico che già hanno".

I colossi dei social media si sono impegnati a monitorare i contenuti pubblicati dai loro utenti e a contribuire allo sviluppo di una strategia europea entro la prossima primavera. Non è la prima volta che Bruxelles cerca di arginare la circolazione di notizie false che hanno come scopo quello di influenzare l'opinione pubblica. Per contrastare la propaganda pro-Cremlino il Servizio europeo per l'azione esterna ha istituito nel marzo del 2015 un team capace di smascherare le notizie piu' stravaganti aventi ad oggetto fatti non accaduti o dati non veritieri. Finora sono 3.500 i casi di disinformazione raccolti dal portale EU vs Disinformation, un database internazionale accessibile al pubblico che raccoglie relazioni, studi e articoli di diversi autori relativi alla propaganda Russa e alla sua ingerenza nel panorama mediatico europeo.


9:35:50 3046 stampa questo articolo


  • Cinema. "La paranza dei bambini" conquista la Berlinale 2019
  • I The Jackal sul divano con Vessicchio: dieci scuse per non vedere Sanremo
  • Roma. Ricostruzione del ferimento di Manuel Bortuzzo: impronte sulla pistola, svolta nelle indagini
  • Sanremo 2019, il figlio di Andrea Bocelli conquista il Festival: chi è Matteo
  • Gilet Gialli, polemiche e crisi con la Francia, Di Maio: "Non mollate, Movimento 5 stelle è con voi"
  • Meteo. Le previsioni per il 9 gennaio: piogge al Sud e neve tra i 500 e 700 metri sull'Appennino
  • Umorismo. Massimo Troisi e la Befana
  • Il grande gelo su tutta Europa
  • Previsioni Meteo per il 5 gennaio. Ancora neve sul Sannio
  • Decreto Sicurezza: cosa rischiano "i sindaci ribelli"?
  • Previsioni Meteo del 4 gennaio 2019
  • Previsioni meteo per il 3 gennaio 2019
  • Intervista ad Antonio Iavarone. Lotta al tumore al cervello, i progressi della ricerca
  • L'euro compie 20 anni: moneta ufficiale di 19 paesi e 335 milioni di persone
  • Giro d'Europa per Capodanno: fuochi d'artificio e feste - VIDEO
  • Etna: terremoto di magnitudo 4,8 nel Catanese
  • Tutti i colori del Papa per l'unità della Terra
  • Coldiretti. In Italia spesi oltre 2 miliardi per il cenone
  • Il messaggio di Natale dell'Arcivescovo di Benevento Felice Accrocca VIDEO
  • Trucco della gomma bucata. Ladri in azione nel video della Polizia
  • Maltempo. Tromba d'aria a Salerno VIDEO
  • Centenario 1918-2018. Come spiegare l'orrore della Grande Guerra ai bambini?
  • Maltempo, 11 regioni italiane in stato di emergenza
  • Salerno. 11 arresti dei Carabinieri per spaccio di stupefacenti e rapina a mano armata