Informazione e Social Network, le fake news nel mirino della Commissione europea

Nessuno sa darne una definizione precisa ma la loro proliferazione inquieta politici ed esperti. Per contrastare le c.d. "fake news" la Commissione europea lunedì ha istituito un panel di 39 specialisti in notizie false e disinformazione online.

A partecipare al gruppo di lavoro ci saranno anche i big come Facebook, twitter e Google. "La questione della responsabilità e del ruolo delle piattaforme online e dei social network è tra le nostre priorità - spiega Mariya Gabriel, Commissaria europea per l'economia e le società digitali -. Vorrei che questi esperti ci dicano di quale responsabilità si tratta. Quali strumenti abbiamo e quindi darci consigli, orientamenti a livello europeo, su cosa possiamo fare".

Se il tema delle bufale è diventato rilevante durante la campagna sul referendum per la Brexit, ha avuto invece un ruolo centrale nella corsa dell'allora candidato alla presidenza americana Donald Trump, che ha intrapreso una vera e propria crociata contro quelle notizie sul suo conto, a suo dire, false. "Il problema con i grandi social network - spiega un esperto dello European centre for press and media freedom- è che ovviamente il loro principale interesse è mettere insieme informazioni, ottenere più clic possibili e raccogliere i profili degli utenti. Quindi non possono essere davvero interessati a ridurre il il volume del traffico che già hanno".

I colossi dei social media si sono impegnati a monitorare i contenuti pubblicati dai loro utenti e a contribuire allo sviluppo di una strategia europea entro la prossima primavera. Non è la prima volta che Bruxelles cerca di arginare la circolazione di notizie false che hanno come scopo quello di influenzare l'opinione pubblica. Per contrastare la propaganda pro-Cremlino il Servizio europeo per l'azione esterna ha istituito nel marzo del 2015 un team capace di smascherare le notizie piu' stravaganti aventi ad oggetto fatti non accaduti o dati non veritieri. Finora sono 3.500 i casi di disinformazione raccolti dal portale EU vs Disinformation, un database internazionale accessibile al pubblico che raccoglie relazioni, studi e articoli di diversi autori relativi alla propaganda Russa e alla sua ingerenza nel panorama mediatico europeo.


9:35:50 3435 stampa questo articolo


  • AAA cercasi politica estera per l'UE
  • L'amaro monologo di Valerio Mastandrea: "In Italia è sempre colpa di un altro"
  • Calcio. Sarri alla Juve, le reazioni sui social
  • Addio a Franco Zeffirelli. Lavorava ancora, dopo una carriera settantennale tra teatro, cinema e televisione
  • Napoli. Operai Whirlpool bloccano il traffico in via Argine
  • Mondiali donne, Bonansea come Totti nel 2006: tutti pazzi per lei
  • Vertice fra Conte e i vicepremier. Salvini: "Inutile stare al governo per tirarla in lungo o crescere dello zero virgola"
  • Meteo. Le previsioni per domani 11 giugno VIDEO
  • Mondiale calcio femminile. Sara Gama: "Questa squadra ha un cuore grande"
  • Mondiali calcio femminile, il CT Bertolini: "Le ragazze sono state fantastiche"
  • Mondiali di Calcio femminile. Italia Giamaica VIDEO
  • Anniversari. 8 Giugno 1990: Inaugurazione Italia 90
  • Viaggio in Basilicata per scoprire Matera VIDEO
  • Amazon presenta il nuovo drone per le consegne
  • Debito Pubblico. Draghi boccia i mini-bot
  • Facebook taglia i ponti con Huawei
  • "Band of Brothers - Fratelli al fronte": gli attori della serie TV del 2001 incontrano i veterani del D-Day
  • D-Day, parla il veterano: "Corremmo incontro alle mitragliatrici tedesche"
  • Sbarco in Normandia. Le memorie del giorno più lungo
  • Sbarco in Normandia. Il massacro di Omaha beach
  • Il 6 giugno di 75 anni fa lo sbarco in Normandia
  • Marco Carta vola in vacanza a Mykonos dopo l'accusa di furto
  • I Carabinieri si preparano per il 205° anniversario della Fondazione dell'Arma VIDEO
  • Europee. Sovranismo tattico in Ungheria