S. Nicola Manfredi: Si sono riunite le ‘vecchie glorie’ del ciclismo

19:47:8 5310 stampa questo articolo

Le “Vecchie Glorie” del ciclismo campano per l’annuale incontro hanno scelto, questa volta, la provincia di Benevento e si sono ritrovate alla “Vecchia Torre”, a San Nicola Manfredi. A fare gli onori di casa, il Veloclub Sangiorgio con il saluto, anche a nome del presidente Arnaldo Pedicino portato da Paolo Serino che ha ringraziato i presenti per aver fatto cadere la scelta sulla provincia sannita, ricordando che la stessa ha dato i natali ad alcuni professionisti del passato come Giulio Messina (un Giro d’Italia portato a termine da “indipendente” nel lontano 1925), Bellino Varricchio (un Giro dell’Eritrea nel 1934), Arcangelo Bove (una tappa della Roma – Napoli - Roma nel 1951), Pasquale Carbone insieme ai contemporanei Antonio Marotti e Salvatore Tribisonna. Paolo Serino ha ricordato gli scomparsi dirigenti del Veloclub Tonino Inglese e Giacomo Ciccarelli per poi rendere un omaggio alla memoria del ciclista sannita Elio Carapella che per anni indossò la maglia del Pedale Sannita. E’ stata l’occasione per rendere un omaggio anche alla memoria del “Papà del ciclismo campano”, Vincenzo Milano, grande amico di Coppi e spesso dimenticato. In rappresentanza del ciclismo locale, c’erano Giovanni Mirra e Carmine Genito. Ancora per il ciclismo targato Benevento, Gennaro Rossano, un ciclista degli anni ’60 di Bagnoli di Sant’Agata dei Goti e i componenti della vecchia squadra del “Pedale Sannita”: Carmine Sellitto, Giovanni Del Grosso, Giovanni Iele, Michele Gilardi, Alberto Ruotolo e Giovanni Giorgione diretti da Vespasiano Pastore e la più agguerrita compagine degli anni ’60 che ha mietuto successi in mezza Italia. Dalle altre province sono giunti i casertani Giuseppe Coppola, l’deatore di questo appuntamento annuale, Amedeo, Vincenzo e Luigi Marzaioli; i fratelli Della Peruta e Giovanni Auriemma, i fratelli Mastroberardino dall’Irpinia; Antonio Minieri, Michele Tufano, Luigi Giordano, Antonio Cardinali e Antonio Curcio dall’area partenopea. Al termine dell’incontro un augurio è stato indirizzato al neo professionista sannita, Donato De Ieso che, proveniente dalle fila del Team Dragone Vejus di Pago Veiano diretto da Donato Polvere ha ottenuto il passaporto 2013 per il professionismo, accasandosi con la Bardiani CSF Inox Pro Team diretta da Bruno Reverberi. Il taglio della torta e lo spumante hanno fatto da viatico per il prosieguo dell’appuntamento fissato per il 2013 accompagnato dallo scambio di auguri per un sereno Natale ed un arrivederci tutti al prossimo anno.



Articolo di / Commenti