Salerno. Confiscati beni per oltre 20 milioni di euro al "Clan Serino"

Il G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Salerno ha dato esecuzione a 2 provvedimenti di confisca definitiva per oltre 20 milioni di euro complessivi.

I provvedimenti sono stati disposti rispettivamente dal Tribunale — Sez. Riesame e Misure di Prevenzione di Salerno per oltre 4 milioni di euro e del Tribunale Sez. GIP — GUP di Salerno, per oltre 16 milioni di euro,  nei confronti di Ferdinando Corrado, classe '64, originario di Sarno, ritenuto appartenente al sodalizio criminoso affiliato alla "Nuova famiglia" e operante nella zona dell'agro nocerino-sarnese della provincia di Salerno, denominato "clan Serino", capeggiato da Aniello Serino, alias "o 'pope", zio dello stesso Corrado.

I provvedimenti di confisca arrivano a conclusioni di lunghe indagini condotte nel corso del tempo, dal Gruppo Investigazioni Criminalità Organizzata — G.I.C.O. della Guardia di Finanza, sia nell'ambito delle misure di prevenzione antimafia che delle indagini di polizia giudiziaria per trasferimento fraudolento di valori aggravato dal metodo mafioso. In particolare Ferdinando Corrado, sfruttando la forza di intimidazione derivante dal vincolo associativo, aveva costituito, a partire dagli anni 1996/1998 - anche per interposta persona - una serie di società e attività economiche operative nel settore della grande distribuzione di carni e alimenti.

Con le indagini e gli accertamenti patrimoniali coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Salerno, era stato accertata la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati dal Corrado e dal coniuge e il notevole patrimonio immobiliare e mobiliare a loro riconducibile. Sono state sottoposte a confisca società, immobili, numerosi rapporti bancari e veicoli anche di grossa cilindrata, nella disponibilità dello stesso. L'operazione si inserisce nel quadro delle attività di tutela economico-finanziaria del territorio, che si attua in primis con la sottrazione dei patrimoni illecitamente accumulati, nella prospettiva della restituzione alla collettività per finalità sociali e di pubblico interesse.


17:16:39 6366 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa