Salerno. Confiscati immobili e altri beni per 5 milioni di euro agli eredi Cirillo

Confisca definitiva di immobili e altri beni per 5 milioni di euro, nei confronti degli eredi Cirillo, in base alla Normativa antimafia.

Il Nucleo di Polizia Tributaria - G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Salerno ha dato esecuzione a un'ordinanza di confisca definitiva emessa dalla Corte di Appello di Salerno — Sezione Misure di Prevenzione — a conclusione di complessi accertamenti patrimoniali svolti nei confronti degli eredi di Giuseppe Cirillo, classe '39, deceduto nel maggio 2007.

Gli accertamenti patrimoniali delegati alla Guardia di Finanza hanno riguardato beni immobili e societari, per un valore di 5 milioni di euro nella disponibilità degli eredi. Le investigazioni svolte hanno consentito di evidenziare che i beni ereditati sono stati acquisiti con risorse di illecita provenienza. L'operazione si inserisce nel quadro delle attività di tutela economico-finanziaria del territorio, che si attua soprattutto con la sottrazione dei patrimoni illecitamente accumulati, nella prospettiva della restituzione alla collettività per finalità sociali e di pubblico interesse. 

Giuseppe Cirillo è stato appartenente alla consorteria camorristica denominata "Nuova Camorra Organizzata" di Raffaele Cutolo ed aveva dato dignità di cosca mafiosa ad un gruppo operativo in Calabria, nella Sibaritide, costituendo l'organizzazione criminale denominata "locale di Sibari", fatti per i quali è stato poi definitivamente condannato per violazione dell'art. 416 bis nell'anno 2005.

Originario della provincia di Salerno, ha accresciuto la propria fama criminale in Calabria e poi continuato a seguire le vicissitudini della propria organizzazione da Serra dei Conti (Ancona) dove è stato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno per la durata di tre anni.


9:45:56 4412 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa