Salerno. Danno erariale: pignorati stipendi e pensioni di ex amministratori del Convitto Nazionale

12:11:52 4098 stampa questo articolo
Guardia di Finanza di SalernoGuardia di Finanza di Salerno

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Salerno, hanno effettuato il sequestro conservativo di somme per oltre 360.000 euro nei confronti degli ex vertici del “Convitto Nazionale Torquato Tasso” di Salerno che hanno amministrato l’Ente dal 2011 al 2013.

Il sequestro ha interessato il pignoramento dello stipendio e della pensione (per il massimo consentito) percepiti dall’ex Rettore dell’Istituto - attualmente dirigente scolastico presso un istituto statale di Cava de’ Tirreni - e dall’ex Direttore generale dei Servizi Amministrativi.

Gli ex vertici sono accusati di essersi appropriati di danaro pubblico e di averlo utilizzato per finalità estranee agli scopi educativi e didattici del convitto. Il danno erariale contestato riguarda l’emissione di mandati di pagamento per acquisti personali di telefoni cellulari, televisori, abbonamenti televisivi, ristoranti e crociere; l’illegittima vendita di terreni e immobili di proprietà del convitto, al fine di creare la “liquidità” utilizzata per l’acquisto di beni di vario genere utilizzati per scopi privati; l’indebita erogazione di “compensi professionali” per consulenze non spettanti, a soggetti esterni all’ente scolastico.

La magistratura contabile ha rilevato, per il periodo dal 2011 al 2013, “non solo un quadro di sostanziale, diffusa e generalizzata illegittimità degli atti adottati dagli ex dirigenti e funzionari del Convitto”, ma anche “una permanente, sintomatica, anomala, disastrosa situazione sia gestionale che funzionale delle attività convittuali e semi-convittuali”.

Sono stati anche interessati i vertici locali dell'Amministrazione Scolastica, da cui si deduce che le contestazioni mosse non riguardano l’attuale gestione dell’Ente.

Il provvedimento è stato autorizzato dalla Sezione Giurisdizionale della Campania della Corte dei Conti, su richiesta della Procura regionale campana della Corte dei Conti diretta dal dottor Michele Oricchio. Contestualmente è stato notificato dal dottor Marco catalano - titolare delle indagini - l’invito a dedurre, a seguito del quale gli interessati potranno eventualmente fornire chiarimenti in merito alle gravi contestazioni che vengono loro mosse.



Articolo di Salerno / Commenti