Salerno. Immigrazione clandestina e truffe all'INPS: 2 arresti e 31 indagati

Due arresti e 31 indagati per immigrazione clandestina e truffe ai danni dell'INPS attraverso false assunzioni in aziende agricole. 

Su disposizione della Procura della Repubblica, i Finanzieri della Guardia di Finanza di Salerno hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari e sei perquisizioni domiciliari nei confronti di soggetti operanti nella provincia di Salerno ritenuti responsabili, a vario titolo, di aver fornito ed utilizzato false certificazioni attestanti fittizi rapporti lavorativi con aziende agricole compiacenti a cittadini stranieri, con lo scopo di ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno, ed a cittadini italiani, per beneficiare di indennità non spettanti.

Le ipotesi di reato contestate nei confronti delle persone sottoposte alle indagini sono quelle di truffa ai danni dello Stato, favoreggiamento della immigrazione clandestina, contraffazione di documenti per il rilascio od il rinnovo del permesso di soggiorno e falso per induzione in atto pubblico. I 31 indagati coinvolti nelle indagini sono residenti nei comuni di Montecorvino Pugliano, Montecorvino Rovella, Mercato San Severino, Eboli, Pontecagnano Faiano e Serino (Avellino). 

Le attestazioni fittizie di assunzioni ha permesso di trarre in inganno gli uffici preposti e quindi di ottenere, dietro pagamento di un compenso in denaro, per i soggetti extracomunitari, il rinnovo indebito del permesso di soggiorno e per i cittadini italiani l'indebita percezione di indennità di disoccupazione, malattia o maternità. 

Le condotte criminose degli indagati sono state accertate attraverso una meticolosa attività di analisi della copiosa documentazione acquisita presso un centro di assistenza fiscale (CAF) di Montecorvino Rovella e presso alcune aziende agricole dell'agro nocerino/sarnese e della piana del Sele. Tra i destinatari del provvedimento della magistratura, eseguito dai Finanzieri del Gruppo della GdF di Salerno, oltre che l'ideatore dell'organizzazione - un cittadino italiano di Montecorvino Pugliano titolare del centro di assistenza fiscale - anche la sua compagna nonché segretaria e 4 italiani percettori di indebite erogazioni previdenziali e assistenziali dall'INPS.


8:48:43 5244 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa