Sannio Città Europea del Vino. Confcommercio: "Incapacità di gestione, sarà ennesimo fallimento"

14:45:24 848 stampa questo articolo
Confcommercio Confcommercio

L'intervento del presidente Romano sull’ inaugurazione del Sannio Falanghina – European Wine City 2019 prevista a Napoli. 

"Apprendiamo con stupore che l’inaugurazione di 'Sannio Falanghina – European Wine City 2019', la Città europea del Vino 2019 avanzata con arguzia, attenzione e professionalità da realtà territoriali quali Castelvenere, Guardia Sanframondi, Sant’Agata dei Goti, Solopaca e Torrecuso e opportunamente già supportata da un contributo economico da parte della nostra Camera di Commercio ,avverrà nel prossimo mese di febbraio a Napoli piuttosto che a Benevento o comunque nel Sannio".

Queste le parole di Nicola Romano presidente di Confcommercio Benevento intervenuto in merito all'inaugurazione del Sannio Falanghina - European Wine City. 

"Anche Recevin - scrive Romano - la rete europea delle Città del Vino, formata dalle associazioni nazionali presenti negli undici Paesi membri (Germania, Austria, Bulgaria, Slovenia, Spagna, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Portogallo e Serbia) per un totale di quasi 800 città di tutta Europa si starà interrogando sul perché di questa decisione che impedisce la promozione della cultura, dell’identità, dei paesaggi e dei territori del vino 'Sannio Falanghina'. Dovrebbe essere un momento imbarazzante anche e soprattutto per il Consorzio di Tutela Vini del Sannio, per la già citata Camera di Commercio di Benevento e per l’Università degli Studi del Sannio che inaspettatamente vedono sfuggirsi dalle mani l’importante evento nonostante gli ingenti contributi elargiti. E’ come se l’inaugurazione di Matera Città della Cultura fosse stata fatta a Roma o a Milano. I politici e gli amministratori sanniti continuano a dimostrare poca attenzione nei confronti dei loro territori: cosa che nessuno aveva fatto precedentemente: Palmela (Portogallo, 2012) – Marsala (Italia, 2013) – Jerez de La Frontera (Spagna, 2014) – Resguengos de Monsaraz (Portogallo, 2015) – Valdobbiadene-Conegliano (Italia, 2016) – Cambados in Galizia (Spagna, 2017) – Torres Vedras/Alenquer (Portogallo, 2018) e Rethimnos (Grecia, 2018)".

“Tutto l’indotto vitivinicolo sannita, e non solo, crede nel rilancio dell'agricoltura attraverso i suoi vini che trovano il favore dei mercati internazionali - continua Nicola Romano - e sarà solo l’ennesimo fallimento non saper gestire appropriatamente Sannio Falanghina – European Wine City 2019 quale fattore di sviluppo economico e turistico”.



Articolo di Commercio / Commenti