Sbarco in Normandia. Il massacro di Omaha beach

Una lingua di terra dell'ampiezza di 8 chilometri, da Sainte-Honorine-des-Pertes a Vierville-sur-Mer nel dipartimento del Calvados, nella Bassa Normandia

Oggi è una destinazione turistica. 75 anni fa era nota agli alleati con il nome in codice di Omaha beach . 75 anni dopo i reduci della campagna tornano su quella spiaggia che divenne rossa di sangue in una delle operazioni più sanguinose della seconda guerra mondiale. I veterani sono arrivati con fiori anche per ornorare con la meoria un numero spaventoso di commilitoni che, scesi dalle navi, su quella spiaggiia non riuscirono a fare più di qualche decina di metri. Roy Huereque, un veterano, dice: "Mi sento male perché quando vengo qui e vedo tutte queste tombe mi sento male. Abbiamo solo avuto fortuna a non essere seppelliti con queste persone. I veri eroi sono loro. Ci chiamano eroi, ma i veri eroi sono quelli sepolti qui". In un mix di generazioni anche molti studenti vengono in questo memoriale. Un ragazzino dice: "Venire qui per salvarci è stato qualcosa di eroico. Se non fossero sbarcati forse saremmo tedeschi adesso o non esisteremmo. È bello quello che hanno fatto. Molte persone sono morte per noi". 75 anni dopo soldati di nello stesso battaglione, ma di un'altra annata hanno giocato un incontro di calcio davanti a qualche centinaio di persone. Una partita che avrebbe dovuta giocarsi tanto tempo fa. In quell'inverno del 1944 dopo aver saputo che non sarebbero tornati a casa per Natale i soldati di quei battaglioni decisero di organizzare un incontro, ma la resistenza tedesca e i contrattacchi dal fronte orientale, impedirono quell'incontro che si è giocato in questi giorni. Tanti anni dopo.


8:37:36 8096 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa