Benevento - Brescia: pari e patta. Rondinelle ciniche, Benevento poco concreto: termina 1 a 1

17:52:21 691 stampa questo articolo
Ben - BreBen - Bre

Sull'1 a 1 evidentissimo calcio di rigore non assegnato da Rapuano per fallo di Sabelli su Improta. Il pareggio dei sanniti su autorete di Cistana. 

     
Montipò
    sampdoria Serie A
 
Volta

Antei

Di Chiara

 

 
Tello

Bandinelli

Del Pinto
 

Letizia
     
Improta
 
Insigne
 
Coda
 
 
Donnarumma
 
Torregrossa
 
   
Spalek
   
 
Martinelli

Tonali

Bisoli
 

Mateju

Cistana
 
Romagnoli

Sabelli

 
Alfonso
  Brescia Serie B

 

Nella diciannovesima giornata del campionato di serie Bkt 2018-19 il Benevento affronta l’esame di maturità al Ciro Vigorito dove per l’ultima gara del girone di andata arriva il Brescia di Corini (squalificato, c’è Lanna in panchina). Un vero e proprio esame di maturità per entrambe, una gara nella quale testare le ambizioni dei lombardi e la forza dei sanniti. Le rondinelle sono secondi in classifica e con una rosa ricca di tanti giovani promettenti, su tutti: Tonali e Bisoli ma non vanno dimenticati i vari Spalek, Donnarumma e Torregrossa. Il Benevento offre una prestazione positiva sia in termini difensivi che di manovra ma appare, al contrario dei biancoblu, poco concreta in avanti: tanta la mole di gioco creata dai giallorossi. Protagonista anche il direttore di gara che non punisce un contatto evidentissimo in area su Improta, anzi lo ammonisce. Il Brescia è stato cinico capitalizzando al massimo l’unico vero tiro in porta e difendendosi su ogni pallone. Certo, Bucchi – complici anche gli infortuni di Letizia e Antei – ha dovuto rivedere tutta la gara. Un pareggio che tutto sommato accontenta tutti, anche il Benevento che nelle ultime 3 gare è stato capace di racimolare 7 punti e rientrare tra le grandi. Ora la sosta, il mercato (effettivamente qualcosa va rivista) e poi il ritorno in campo il 13 gennaio a San Siro per la Coppa Italia contro l’Inter prima di riprendere la marcia a Lecce.

Le scelte

Bucchi deve rinunciare al solo Bukata. Schiera un 3-5-2 con gli stessi 11 visti in campo contro il Crotone. Montipò tra i pali, difesa a tre con Volta, Antei e Di Chiara. Cabina di regia per Bandinelli con Del Pinto e Tello ai lati mentre sulle corsie Letizia ed Improta. In avanti il tandem composto da Coda ed Insigne.

Corini deve rinunciare a Tremolada e Dall’Oglio, non c’è Ndoj mentre rientrano dalla squalifica Romagnoli e Tonali. Nel 4-3-1-2 c’è Alfonso tra i pali, mentre il pacchetto difensivo è composto da Sabelli, Romagnoli, Cistana e Mateju. Chiavi del centrocampo al talentuoso Tonali con Bisoi e Martinelli al suo fianco. Dietro la coppia Donnarumma – Torregrossa pronto ad agire Spalek.

La gara

Avvio sprint del Benevento che prova subito a chiudere il Brescia nella propria metà campo e portando alta l’aggressività nei confronti del portatore di palla. Al 3’ i sanniti ci provano su calcio d’angolo – chiaro lo schema – con Antei ma la conclusione prende in pieno Cistana ed il Brescia tira un sospiro di sollievo. Al 5’ la replica delle rondinelle che vanno via palla al piede, poi il destro dal limite di Bisoli e gran respinta in corner di Montipò. Ora è il Brescia a tentare di fare la partita con il Benevento che si difende ma non trova il corridoio giusto per uscire ma i ritmi sono notevolmente calati. Al 10’ Tello ruba palla a Martinelli e si invola verso la porta ma purtroppo è tutto fermo: il direttore di gara ravvisa un fallo. Al 16’ ancora Benevento: Letizia da destra la mette al centro per Coda ma l’intervento di Romagnoli è decisivo.

Il Benevento spinge. Al 21’ lancio verso Coda che controlla e ne salta due ma giunge al limite e Cistana con un intervento temporeggiatore fa svanire l’azione offensiva. Al 19’ il Brescia ci aveva provato su calcio di punizione da posizione invitante ma Romagnoli non trova il tempo giusto per colpire la sfera di testa. Al 23’ il Brescia commette un fallo dal limite, sul pallone va Coda che calcia verso la porta di Alfonso ma una deviazione spedisce la palla in calcio d’angolo.

Il Brescia si difende con le unghie, il Benevento è ormai padrone assoluto della gara in un Ciro Vigorito che è una bolgia. Al 26’ Ci prova Improta su cross di Letizia ma la conclusione non centra lo specchio. Il tutto si ripete al 30’: calcio d’angolo di Letizia, torre di Antei e tiro al volo di Del Pinto con la conclusione che si spegne sul fondo. Al’ 35’ Tonali prova ad accendere la lampadina ed inventa un lancio lungo alla ricerca di Torregrossa ma Montipò esce dalla propria area di competenza e allontana. Al 39’ occasionissima per gli stregoni: il Brescia sbaglia in uscita, uno due Tello – Insigne con quest’ultimo che si accentra, salta il diretto marcatore, ed esplode un sinistro a giro che sibila a pochi centimetri dal palo. Al 45’ azione pericolosa del Benevento. Antei parte palla la piede e lancia Insigne, aggancio delizioso e cross ma la retroguardia ospite si rifugia in calcio d’angolo. Il primo tempo si chiude praticamente qui con il Benevento capace di chiudere il Brescia nella propria metà campo ma senza riuscire però a spedire la palla in rete.

La ripresa ha inizio, per il Benevento, con la stessa veemenza con la quale aveva iniziato il match. Al 51’ Bucchi è costretto a cambiare, fuori Antei –probabilmente ha subito un colpo – al suo posto Billong: tatticamente non cambia nulla. Al 52’ ci prova il Brescia con Tonali ma la conclusione è da dimenticare. Al 54’ ancora Benevento in avanti, Di Chiara per Coda che controlla e apre per Letizia, scodellata al centro e palla a Bandinelli ma la conclusione viene murata in angolo. Al 63’ ci prova Letizia su calcio di punizione dai 25 metri ma Alfonso fa buona guardia e para. Al 67’ altro cambio ‘forzato’ per la Strega: Letizia risente di un problema fisico ed al suo posto è pronto Christian Maggio.

La doccia fredda per i giallorossi arriva al 73’: Maggio sbaglia il tempo, Donnarumma fugge via assist al bacio per Torregrossa che apre il piattone e fredda Montipò. Bucchi a questo punto tenta il tutto per tutto: fuori Del Pinto, dentro Asencio e 3-4-1-2 con Insigne dietro le due punte. Al 78’ accade l’inserosimile: lancio di Maggio a cercare Coda, spizzata di Asencio, Cistana tenta l’anticipo, tocca male il pallone e beffa Alfonso: è 1 a 1. Il Benevento ci crede, il Brescia si difende come può. Al 45’ calcio di punizione di Di Chiara, sponda di Maggio e girata di Asencio che però non trova la porta. Nonostante il forcing finale il Benevento non riesce a trovare il goal del vantaggio e dopo 5’ di recupero la gara termina sull’1 a 1. Ora la sosta, il mercato e si torna in campo il 13 gennaio a San Siro per la sfida di Coppa Italia.

Tabellino

Benevento Calcio(3-5-2)
: Montipò; Volta, Antei(51’ Billong), Di Chiara; Letizia(67’ Maggio), Tello, Del Pinto(75’ Asencio), Bandinelli, Improta; Insigne. A disposizione: Puggioni, Gori, Viola, Tuia, Costa, Buonaiuto, Gyamfi, Ricci, Volpicelli. All. Bucchi.

Brescia Calcio(4-3-1-2): Alfonso; Sabelli, Romagnoli, Cistana(82’ Gastaldello), Mateju; Tonali, Bisoli, Martinelli(84’ Curcio); Spalek; Donnarumma, Torregrossa. A disposizione: Andreacci, Cortesi, Morosini, Viviani, Semprini, Milesi. All. Lanna.

Arbitro: sig. Antonio Rapuano di Rimini.
Assistenti: sig. Vito Mastrodonato di Molfetta e sig. Francesco Fiore di Barletta.
IV Uomo: sig. Federico Dionisi di L’Aquila.

Note. Spettatori 11.409 di cui 8.438 abbonati. Circa 200 i tifosi ospiti presenti.

Marcatori: 73’ Torregrossa(BR), 78’ aut. Cistana(BR).
Ammoniti: 29’ Cistana(BR), 80’ Bandinelli(BN), 80’ Bisoli(BR), 82’ Improta(BN), 85’ Billong(BN)
Espulsi: 85’ Bucchi per proteste
Angoli: 8 a 2 Benevento.
Fuorigioco: 3 a 1 Benevento.
Recupero: 2’pt. 5’st.

Michele Palmieri.



Articolo di Serie B / Commenti




" data-width="670" data-numposts="7">