Un lampo di Bandinelli stende il Cittadella. Benevento: agli ottavi c'è l'Inter

16:54:1 831 stampa questo articolo
Benevento - CittadellaBenevento - Cittadella

Al 77' il break di Bandinelli regala alla Strega uno storico successo e l'approdo agli ottavi di finale della Coppa Italia. 

     
Montipò 
    sampdoria Serie A
 
Volta

Antei

Sparandeo

 

 
Tello

Nocerino

Buonaiuto
 

Buonaiuto
     
Cuccurullo
 
Ricci
 
Coda
 
  Palermo Serie B
Finotto
  Palermo Serie B
Scappini
 
    Palermo Serie B
Siega
   
  Palermo Serie B
Maniero L.
Palermo Serie B
Pasa
Palermo Serie B
Settembrini
 
Palermo Serie B
Cancellotti
Palermo Serie B
Frare
  Palermo Serie B
Camigliano
Palermo Serie B
Ghirindelli

  Palermo Serie B
Maniero
  Palermo Serie B

 


Primo tempo di sofferenza per il Benevento che però ha ragione di un Cittadella ostico ed organizzato grazie ad una zampata di Bandinelli che regala ai giallorossi il passaggio del turno in Coppa Italia. I sanniti arrivano così per la prima volta agli ottavi della Coppa nazionale e si regalano una notte magica a San Siro dove il 13 gennaio affronteranno l’Inter di Spalletti. Una gara ricca di insidie quella giocata oggi al Vigorito e con un Benevento rimaneggiatissimo per via dei tanti infortuni. Bucchi all’ultimo perde anche Di Chiara e si affida ad un 3-5-2 con l’anomala posizione di Buonaiuto. Montipò nel finale sventa ogni pericolo ma c’è ancora da lavorare sull’approccio. Infatti, i giallorossi ci hanno messo circa mezz’ora prima di prendere le giuste misure ai veneti che hanno giocato la loro onesta gara e sprecato anche diverse palle goal.

Le scelte

Bucchi deve rinunciare a Letizia, Tuia, Costa, Bukata, Del Pinto, Viola, Insigne, Improta, Goddard e all’ultimo anche a Di Chiara. Le assenze costringono il tecnico giallorosso ad adottare un 3-5-2 con Montipò tra i pali, Volta, Antei e Sparandeo a comporre la linea difensiva. Tello, Nocerino e Buonaiuto (stranamente da interno) in mediana con Cuccurullo e Gyamfi sulle corsie mentre in attacco il tandem è composto da Ricci e Coda.

Anche Venturato ha i suoi grattacapi e deve rinunciare a Drudi, Adorni, Benedetti, Rizzo e allo squalificato Proia. Il tecnico granata dovrebbe optare per un un 4-3-1-2 con Maniero in porta, linea di difesa a 4 composta da Ghirindelli e Cancellotti esterni con Frare e Camigliano centrali. A centrocampo L. Maniero, Pasa e Settembrini. Siega agisce, invece, dietro le due punte Finotto e Scappini.

La gara

È il Cittadella a rendersi subito pericoloso al 4’ con Settembrini che scaraventa verso la porta un destro potente, raccogliendo la respinta corta della difesa giallorossa, ma è bravo Montipò a tenere la sfera. È ancora il Cittadella al 6’ a creare pericoli con Siega che trova il corridoio giusto per incunearsi in area, saltare Sparandeo e metterla al centro ma la deviazione di Antei – i granata lamentano un tocco di mano - è decisiva e Montipò blocca in presa sicura. Al 9’ sono ancora gli uomini di Venturato a mettere pressione ai giallorossi ma il colpo di testa di Siega – cross dalla sinistra di Ghirindelli - si spegne sul fondo, poco prima da dimenticare la conclusione di Finotto da centro area.

Il Benevento – insolito per la posizione da interno di centrocampo di Buonaiuto con Cuccurullo e Gyamfi esterni e Sparandeo a completare la difesa a tre – soffre, mentre il Cittadella è padrone assoluto del campo. Al 12’ Siega attacca la profondità e serve Finotto che da sinistra la mette al centro e trova Scappini che però non riesce ad indirizzare la palla verso la porta e conclusione si spegne sul fondo.

Il Benevento fa veramente fatica ad arginare il Cittadella. Al 14’ Montipò è costretto ad uscire di testa fuori dalla propria area per anticipare Finotto, bello il lancio di Pasa, ed evitare pericoli ulteriori. Un minuto dopo l’estremo difensore di casa deve intervenire ulteriormente per bloccare una conclusione dalla distanza di Maniero che però non crea pericoli.

Il Benevento va alla ricerca della quadratura giusta. Il Cittadella sa cosa fare e prova a far girar palla in attesa del varco giusto. I giallorossi al 22’ avrebbero l’opportunità di costruire un buon contropiede – ottima la difesa del pallone di Coda – ma Ricci sbaglia in fase di appoggio. Tanti gli errori dei sanniti in fase di costruzione. La prima vera azione del Benevento arriva al 27’, Gyamfi lancia Coda sulla destra, cross al centro verso Cuccurullo e la conclusione del giovane giallorosso viene però murata da Camigliano. L’azione resta viva ed il Benevento si ripresenta dalle parti di Maniero, costretto un intervento complicato ma non difficile, sulla conclusione di Ricci.

Ritmi sicuramente più lenti dopo lo scoccare della mezz’ora di gioco ed il Benevento ne approfitta per alzare il baricentro. Al 37’ Coda ci prova di testa, assist di Buonaiuto da sinistra, ma non trova lo specchio. Al 38’ percussione centrale di Tello che resiste alla carica di Maniero che poi subisce un colpo, l’azione sfuma ma per il sig. Dionisi non ci sono gli estremi per sanzionare il centrocampista colombiano. Al 44’ il Cittadella si riaffaccia dalle parti di Montipò con il tiro di Finotto che però non trova la porta. È l’ultima azione del primo tempo che ha visto i veneti padroneggiare nella prima fase salvo poi andare in apprensione dalla mezz’ora sulle occasioni capitate a Cuccurullo e Coda.

Pronti via e nella ripresa è subito Finotto a scappare via ad Antei, a cadere in area e a lamentare un calcio di rigore che però il direttore di gara non ravvisa, giustamente. Lo stesso Finotto ci prova al 49’ ma la conclusione viene bloccata in presa facile da Montipò. Occasione clamorosa, invce, al 55’ per il Benevento. Tello da destra la mette al centro per Coda che non arriva ma è pronto Ricci che calcia a colpo sicuro ed è miracoloso l’intervento di Maniero.

Al 60’ inizia la girandola dei cambi. Bucchi fa uscire Cuccurullo e fa entrare Bandinelli con Buonaiuto che si sposta sull’esterno, poi spazio a Volpicelli che rileva Nocerino. Venturato toglie dalla contesa Frare e Ghirindelli e fa entrare Della Bernardina e Bussaglia ma tatticamente non cambia nulla.

Al 64’ Siega porta palla fino al limite dell’area e calcia ma la traiettoria prende uno strano effetto e si spegne sul fondo. Il Cittadella torna a premere ed oltre a fare incetta di corner trova anche il goal con Scappini che la devia in rete dopo il colpo di testa di Della Bernardina ma viene annullato per posizione di fuorigioco. I ritmi non sono quelli di inizio gara, e sono pochi gli spunti in questo secondo tempo. Al 76’ ci prova Gyamfi con una rasoiata dalla distanza ma Maniero para: è il preludio al vantaggio che arriva un giro di lancette dopo. Bandinelli vince un contrasto a metà campo con Bussaglia e riparte veloce, scarico verso Asencio e palla di ritorno per lo stesso Bandinelli che con un tocco chirurgico buca Maniero.

Nel finale il Cittadella tenta il forcing per cercare il pareggio ma la retroguardia di casa si difende con ordine mentre Asencio spreca l’occasione del raddoppio e la sua girata, in piena area, è da dimenticare. All’89’ il lancio dalle retrovie di Camigliano è per Siega ma Montipò è attento e blocca in presa raccogliendo gli applausi del Vigorito. Il Cittadella però resta avanti e nel recupero conquista un calcio di punizione importante che viene battuto da Finotto, deviazione ed ancora una volta attentissimo Montipò che evita ogni pericolo.

Finisce qui. Il Benevento vice soffrendo – soprattutto nella prima frazione – e nonostante le tante assenze riesce a battere il Cittadella e ad approdare agli ottavi di Coppa Italia regalandosi una notte magica a San Siro dove il prossimo 13 gennaio affronterà l’Inter.

Tabellino

Benevento Calcio(3-5-2)
: Montipò; Volta, Antei, Sparandeo; Cuccurullo(58’ Bandinelli), Buonaiuto, Tello, Nocerino(62’ Volpicelli), Gyamfi; Ricci, Coda(73’ Asencio). A disposizione: Puggioni, Gori, Billong, Maggio, Filogamo. All. Bucchi.

AS Cittadella(4-3-1-2): Maniero L.; Ghirindelli(58’ Della Bernardina), Camigliano, Frare(58’ Bussaglia), Cancellotti; Maniero L, Pasa, Settembrini; Siega; Finotto, Scappini(73’ Malcore). A disposizione: Paleari, Iori, Schenetti, Strizzolo, Panico, Branca. All. Venturato.

Arbitro: sig. Federico Dionisi di L’Aquila.
Assistenti: sig. Francesco Fiore di Barletta e sig. Luigi Lanotte di Barletta.
IV Uomo: sig. Antonio Di Martino di Teramo.

Note. Spettatori 3.629 di cui tre provenienti da Cittadella.

Marcatori: 77’ Bandinelli(B).
Ammoniti: 67’ Volta(B), 78’ Pasa(C), 85’ Volpicelli(B).
Angoli: 3 a 3.
Fuorigioco: 1 a 1.
Recupero: 1’pt, 4’st.

Michele Palmieri



Articolo di Calcio / Commenti




" data-width="670" data-numposts="7">