Sudeconomy, Si punta a Benevento come sede del polo economico stabile del Sud Italia

10:21:12 3368 stampa questo articolo

Il capoluogo sannita come sede del polo economico stabile del Sud Italia. Questo è il risultato che gli organizzatori di “Sudeconomy: la settimana dell’economia”, manifestazione che resterà in cartellone fino a sabato prossimo, presso Palazzo Palo V di Benevento intendono realizzare. A caratterizzare la quarta giornata di Sudeconomy sono stati due convegni. Il primo si è tenuto in mattinata ed aveva come titolo "Politiche e fondi Ue per ricerca e innovazione nelle Pmi". Ad esso hanno preso parte Mirella Santoriello, responsabile del centro Europe Direct del Pst e Aic che ha presentato lo "Sportello Europe Direct del Pst Sa e Aic"; Antonio Carbone dell’Apre (Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea) che ha dibattuto su "Le opportunità di finanziamento per le Pmi nel 7°Pq. Focus sui bandi 2013: Prodotti Alimentari, Agricoltura e Biotecnologie (Kbbe), Società dell'Informazione (Ict)" ed Edoardo Imperiale, Direttore Generale Campania Innovazione che ha parlato alla platea di "I servizi di Campania Innovazione per le Pmi". Dagli esiti del convegno sono emersi diversi dati: è stata rimarcata l’importanza rivestita dalla conoscenza diretta delle realtà imprenditoriali in cui operano le aziende; si è poi parlato del ruolo attivo svolto da chi si occupa di fornire contratti, partenariato e ricerche finanziate per le industrie; si è discusso di economia creativa e, soprattutto, ha riscosso maggiore interesse, da parte degli imprenditori presenti in sala, la conoscenza degli ultimi bandi europei di prossima scadenza per poter accedere a finanziamenti per le aziende. Nel pomeriggio, invece, si è tenuta la tavola rotonda dal titolo "Aree industriali di Benevento, programmazione bottom-up per la realizzazione di interventi di valorizzazione". Ad introdurre i lavori è stato Nicola Danilo De Luca, assessore alle Attività Produttive del Comune di Benevento. Sono seguite le relazioni di Anna Maria La Peccerella, Consulente Prusst Calidone con la "Presentazione dello Studio di Fattibilità dell'area industriale di Olivola e Roseto"; Isidoro Fucci, con "La programmazione delle infrastrutture serventi il Pip Olivola"; Andrea Lanzalone, dirigente Comune di Benevento che ha parlato di "Infrastrutture e gestione dell'area industriale, la finanza degli Enti Locali tra patto di stabilità e spending review" e Massimo Resce, esperto di programmi complessi e politiche di sviluppo locale con la "Valorizzazione di un’area industriale tra problematiche di desertificazione e governance multilivello". Infine, le conclusioni dei lavori, sono state affidate al sindaco di Benevento, Fausto Pepe. In sala erano presenti anche rappresentati della Regione Campania. Nello specifico, si è intavolato il discorso sulle proposte di valorizzazione dell’area industriale di Olivola e Roseto. Sono stati presentati gli ultimi risultati, in termini in avanzamento, dei lavori dell’intera area, i processi di programmazione che li riguardano con i relativi interventi di valorizzazione stabiliti per la suddetta zona, nonché la metodologia idonea per raggiungere gli obiettivi prefissati. Infine, si è anche intavolato un proficuo “a tu per tu” tra il Sindaco della città di Benevento e numerosi imprenditori di c/da Olivola. Costoro hanno illustrato e riportato, al primo cittadino del capoluogo sannita, tutte le loro richieste in materia di: maggiore sicurezza, più controlli; aumento di cartellonistica; pulizia delle arterie di accesso all’area.



Articolo di / Commenti