Trasferimenti da Dipendenze Patologiche al carcere: dipendenti attaccano Asl

17:32:8 2211 stampa questo articolo
Casa circondariale di BeneventoCasa circondariale di Benevento

La lettera di protesta di alcuni dipendenti.

Alcuni dipendenti del Sert di Benevento hanno commentato la vicenda del trasferimento di un infermiere dall'Unità Operativa Complessa Dipendenze Patologiche Bn1 alla Casa Circondariale del capoluogo ed inviato una lettera aperta al management dell'Asl.

"Si protesta vivacemente - si legge nella lettera - contro l'assegnazione di un infermiere alla Casa Circondariale di Benevento, trasferito dall'Unità Operativa Complessa Dipendenze Patologiche Bn1. Risulta francamente incomprensibile, a distanza di oltre un anno dall'evidenza di un problema di personale presso l'Istituto di Perna, che il Management si muova tutt'ora con la logica dell'emergenza. Non si riesce a individuare in tale modo di agire ragionamenti credibili e conseguenti azioni di politica e gestione della sanità. I lavoratori di questa azienda, di cui rappresentano l'asse portante, si sentono strumentalizzati ed esclusi da qualsiasi studio di possibili e percorribili soluzioni. I componenti del Management, al di fuori di qualsiasi ragionamento e considerazione sui servizi che dovrebbero garantire ai cittadini, si sono fin qui limitati ad agire come burattinai che muovono persone come pedine, disponendo, dall'oggi al domani, cambiamenti di collocazione e tipo di servizio da svolgere, attraverso non si sa quali criteri definiti esclusivamente dal Direttore Sanitario. Sembra impossibile da credere che chi ha il compito di governare l'assistenza sanitaria del territorio possa agire nell'assoluta assenza della valutazione delle conseguenze che possono scaturire dalle ricollocazioni effettuate in questo modo. L’unico risultato può essere non risolvere il problema, bensì crearne di nuovi".

"L’atteggiamento del Management - scrivono ancora i dipendenti - mortifica le persone che spendono il loro impegno professionale con dedizione in un servizio oltremodo difficile per la tipologia di utenza che gestisce. Il risultato che si ottiene è quello di demotivare e disaffezionare le persone, sottolineiamo che si tratta di persone con una loro dignità, oltre che sprecare una risorsa umana preziosa per l'esperienza accumulata in un servizio così difficile come il SERT dove sicuramente ci sarà difficoltà a reperire professionisti con la stessa capacità e attitudini necessarie".

E concludono: "In tempi difficili come quelli che viviamo, in cui si chiedono continui tagli di risorse materiali e umane, bisogna immaginare soluzioni ragionate per ottimizzare i servizi, lavorando al loro perseguimento con accanto i lavoratori e non contro di essi". 



Articolo di Sindacati / Commenti