Un palloncino a tutela del vino e del territorio

Un palloncino come alleato per la produzione di buon vino nel rispetto della natura. In Piemonte un gruppo di ricercatori ha messo a punto un sistema in grado di monitorare dall’alto la condizione di salute di distesi campi di viti per salvaguardare il terriorio ed evitare l’utilizzo di sostanze sintetizzate chimicamente, quali pesticidi e fitofarmaci.

Un raccoglitore di dati è posizionato su un palloncino e come un’antenna riceve le informazioni inviate dai sensori posizionati sui campi. “Noi in linea di principio abbiamo dimostrato che il raggio di compertura del palloncino è di 50 chilometri, questo significa che per coprire l’intero territorio del Piemonte, una vera e propria regione produttrice di vino perché viene prodotto ovunque, occorrono non oltre 10 palloncini”, spiega il professore Daniele Trinchero, Professore, dell’Università Politecnico di Torino, dipartimento Elettronica e Comunicazioni. I sensori sui campi raccolgono informazioni come la temperatura e le grandezze fisiche e li inviano al raccoglitore. Un sistema che permette ai produttori di vino di monitorare a distanza e mettere in campo misure preventive e non inquinanti: “Questo sistema permette di arrivare quasi a fare un vino biologico, perchè quando sai quello che devi fare con successo è tutto più facile”, dice Federico Bonino, produttore di vino. Questa prova del palloncino è quella che piace agli amanti del buon vino e della tutela del territorio.


7:54:8 3149 stampa questo articolo


  • Convegno ISTAT sullla povertà assoluta: metodologia e misura del fenomeno. Diretta streaming
  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere