Vacanze estive: cosa fare a Messina e cosa vedere

17:7:24 1046 stampa questo articolo
Viaggi - Messina (Sicilia)Viaggi - Messina (Sicilia)

Messina rappresenta da sempre la porta principale per entrare in Sicilia, è la città che unisce la storia del passato all’arte, alla cultura siciliana e alla musica.

Dopo la conquista dei Romani, il porto di Messina divenne il porto più importante di tutto l’Impero e a partire da quegli anni lontani, la Sicilia ha sempre avuto un occhio di riguardo per questa bellissima città.

Oggi, è possibile rivivere il glorioso passato di Messina attraverso i numerosi monumenti presenti all’interno della città, attraverso i colori e le Chiese.
Arrivare in questa bellissima città è molto semplice ed è possibile inserirla all’interno degli itinerari vacanze estive come prima tappa. Ci sono numerosi traghetti per Messina in partenza da diversi porti italiani, che dispongono di tanti orari e giorni differenti per la tua vacanza o viaggio di lavoro che sia.

Cosa fare e vedere a Messina

Nonostante i danni causati dalla catastrofe che ha colpito Messina nel secolo scorso, la città conserva ancora numerosi monumenti che raccontano la sua storia e le origini della cultura che ancora oggi contraddistingue i suoi cittadini.

Tra i monumenti imperdibili inseriamo al primo posto il Duomo di Messina, costruito in epoca normanna e recentemente restaurato. Al suo interno è possibile visitare i bellissimi affreschi e i quadri storici molto importanti.

Immancabili, i complicati ingranaggi dell’orologio antico presente sul campanile che, ogni anno, attraggono migliaia di visitatori incuriositi. L’orologio presente sul campanile della basilica è un orologio astronomico che, attraverso gli ingranaggi, da vita ogni giorno alle fasi lunari e al calendario perpetuo. A mezzogiorno, è possibile godere della musica sacra che accompagna l’animazione di figure scultoree ed episodi storici della città di Messina, che si riproducono grazie alla tecnologia.

Il secondo monumento da visitare è la Fontana di Orione, legata al mito che da origine alla città: si tratta di una grande fontana situata proprio al centro della Piazza del Duomo, costruita nel ‘500 per celebrare il primo acquedotto.

Non può mancare la visita al Museo Regionale di Messina, che si trova all’interno di una filanda dell’800 ed espone opere di artisti molto importanti e artisti locali. L’ingresso al Museo è a pagamento ed è possibile visitarlo dal lunedì al venerdì.

Cosa fare nei dintorni di Messina

Nei dintorni di Messina ci sono tante bellezze da visitare, come Taormina o le Isole Eolie, la bellissima Novara di Sicilia e Milazzo: Novara di Sicilia è considerato uno dei borghi più belli d’Italia, caratterizzato dalle sue stradine strette e le bellissime case medioevali. Qui è possibile visitare le rovine del castello e un panorama mozzafiato che permette di godere di tutto il territorio.

Milazzo, zona turistica per il suo bellissimo mare, è un borgo che comprende la piscina di Venere, situata tra gli scogli che la rendono sempre un angolo con acqua calma e trasparente.

Taormina, invece, è famosa per le sue spiagge, per il teatro romano, le fontane e i giardini mozzafiato. Questa è in assoluto la località balneare più famosa di tutta la provincia messinese, caratterizzata da spiagge per grandi e piccini, da calette selvagge e litorali sabbiosi.



Articolo di Viaggi / Commenti